Ultimo aggiornamento alle 0:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«A Rossano i poveri portati ai seggi a bordo di furgoni»

ROSSANO Presidenti di seggio non all’altezza del compito, omissioni, persone in difficoltà economiche pagate e portare a votare a bordo di furgoni. Sono diverse le ombre che si allungano sulle elez…

Pubblicato il: 18/06/2016 – 14:35
«A Rossano i poveri portati ai seggi a bordo di furgoni»

ROSSANO Presidenti di seggio non all’altezza del compito, omissioni, persone in difficoltà economiche pagate e portare a votare a bordo di furgoni. Sono diverse le ombre che si allungano sulle elezioni amministrative di Rossano, Comune atteso domani dal ballottaggio tra Stefano Mascaro ed Ernesto Rapani. L’ex candidato a sindaco di Rossano pulita, Flavio Stasi, ha annunciato di aver presentato ieri un esposto alla Procura in relazione ai fatti accaduti nella notte tra il 5 e il 6 giugno. «Abbiamo chiesto agli inquirenti di indagare sulle tante anomalie rilevate durante le operazioni di scrutinio, alcune delle quali molto gravi e tali da modificare potenzialmente l’esito del voto», spiega Stasi.
«Nel migliore dei casi – continua l’ex candidato sindaco – si tratta di anomalie causate dalla clamorosa improvvisazione di qualche presidente di seggio, ma visto il contesto profondamente torbido in cui ci troviamo a lavorare da anni, riteniamo sia necessario che la Procura della Repubblica indaghi e individui omissioni, interessi e responsabilità. Nello stesso esposto è stato altresì denunciato lo squallido fenomeno del voto comprato e delle persone meno abbienti portate in massa a votare con furgoni o modalità simili».
Stasi annuncia anche un ricorso al Tar, «che effettueremo appena la legge ce lo consente, cioè dopo l’esito del ballottaggio».
In ogni caso, Rossano pulita si appresta a condurre un’opposizione dura «fuori e dentro il consiglio comunale, in continuità con quanto dimostrato in questi anni dai gruppi e dalle associazioni che hanno dato vita a questa coalizione civica». Secondo Stasi, «il livello sotterraneo del dibattito pubblico nel corso della campagna del ballottaggio testimonia, se ancora ce ne fosse bisogno, come la nostra comunità abbia profondamente bisogno di discontinuità e di un nuovo modo di fare politica e di gestire la cosa pubblica. Manterremo fede agli impegni presi in campagna elettorale e continueremo a lavorare per rilanciare l’economia del territorio e difendere la salute e la qualità della vita della nostra comunità».
«Infine – conclude –, per ragioni “logistiche”, non è stato possibile effettuare prima del turno di ballottaggio, il comizio di ringraziamento al centro storico, comizio a cui teniamo particolarmente e che verrà organizzato nei prossimi giorni».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x