Ultimo aggiornamento alle 21:50
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

CALABRIA CORROTTA | A Magno il posto di Salerno

REGGIO CALABRIA Dopo Wanda Ferro, Mario Magno. La geografia politica del consiglio regionale continua a cambiare per via giudiziaria. Pochi giorni fa il Tar, dopo la pronuncia sulla legge elettoral…

Pubblicato il: 02/02/2017 – 17:41
CALABRIA CORROTTA | A Magno il posto di Salerno

REGGIO CALABRIA Dopo Wanda Ferro, Mario Magno. La geografia politica del consiglio regionale continua a cambiare per via giudiziaria. Pochi giorni fa il Tar, dopo la pronuncia sulla legge elettorale della Corte costituzionale, ha assegnato un posto a Wanda Ferro a scapito di Giuseppe Mangialavori; e adesso, se l’arresto di Nazzareno Salerno dovesse superare anche il vaglio del Tribunale della libertà, potrebbe toccare a Mario Magno occupare il posto dell’ex assessore regionale – accusato di voto di scambio e di aver distratto su conti privati i fondi destinati ai calabresi meno abbienti –, per il quale scatterebbe la sospensione per effetto della legge Severino.
Alle ultime elezioni regionali Magno, da consigliere regionale uscente, era risultato il primo dei non eletti nella circoscrizione Centro nella lista di Forza Italia, nella quale si erano affermati Mimmo Tallini, con 9.939 voti, e lo stesso Salerno, che di preferenze ne aveva ottenute 8.991. Magno si era fermato a 5.205.

L’ITER Se il Tdl, di fronte a un’eventuale istanza di scarcerazione presentata dai legali di Salerno, dovesse comunque confermare l’arresto, partirebbe da subito l’iter per la sospensione dalla carica di consigliere regionale. La Prefettura di Catanzaro ha già dato comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei ministri circa l’arresto del politico vibonese. Affinché la sospensione sia effettiva, è necessario un apposito decreto dell’esecutivo da trasmettere al consiglio regionale. A quel punto, il presidente Nicola Irto sarà tenuto, alla prima seduta utile, a procedere con la surroga di Magno al posto di Salerno.
C’è un precedente non molto distante nel tempo. Nella scorsa legislatura Aurelio Chizzoniti aveva preso il posto (prima temporaneamente e poi definitivamente) di Antonio Rappoccio, finito in carcere perché accusato di aver creato, alla vigilia delle regionali del 2010, delle cooperative fantasma per delle finte assunzioni di giovani disoccupati. Una volta uscito dal carcere, Rappoccio tornò un’altra sola volta a sedere tra i banchi di Palazzo Campanella, giusto il tempo di formalizzare le sue dimissioni che, oltre a far scattare la sua decadenza, blindarono fino al termine della legislatura il posto di Chizzoniti.

I RISVOLTI POLITICI Le cause giudiziarie avranno anche effetti politici. Troppo presto per sapere di quale gruppo vorrà fare parte Magno una volta ufficializzata la sua sostituzione. L’approdo naturale sarebbe proprio il gruppo di Forza Italia, di cui fa ancora parte il “verdiniano” Ennio Morrone, da tempo in rotta di collisione con i vertici regionali del partito azzurro, che non gli perdonano – tra le altre cose – il sostegno dato (tramite il figlio Luca) al dem Carlo Guccione in occasione delle ultime comunali a Cosenza. Proprio la presenza di Morrone tra i banchi dei berluscones, secondo i bene informati, avrebbe convinto la neo consigliera Ferro ad aderire al gruppo Misto, dove troverebbe il capogruppo Tallini. Che, pur essendo il coordinatore provinciale di Fi a Catanzaro, in Consiglio non ha trovato posto nella formazione guidata da Alessandro Nicolò. Un’altra anomalia in un caos destinato ad aumentare ulteriormente con l’arrivo in Astronave di Ferro e Magno. “Bocciati” dalla politica ma “riabilitati” dalla magistratura.

Pietro Bellantoni
p.bellantoni@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x