Ultimo aggiornamento alle 8:24
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Cittadella regionale, sciopero della fame di Manno

CATANZARO È iniziato lo sciopero della fame del presidente del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese Grazioso Manno nella piazzetta della Cittadella regionale. Poco dopo l’inizio della sua protes…

Pubblicato il: 08/05/2017 – 10:03

CATANZARO È iniziato lo sciopero della fame del presidente del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese Grazioso Manno nella piazzetta della Cittadella regionale. Poco dopo l’inizio della sua protesta Manno ha ricevuto una telefonata dal presidente della Regione, Mario Oliverio, che lo ha convocato per un incontro.
Unitamente a moltissimi cittadini, al Consiglio dei Delegati dell’ente consortile ed ai dipendenti del Consorzio, all’Anbi Calabria, alla Coldiretti Calabria, anche l’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (Anbi) esprime piena solidarietà alla battaglia di Grazioso Manno. «Siamo dispiaciuti che per ottenere un dialogo costruttivo nell’interesse del territorio si debba ricorrere a gesti estremi – commenta Francesco Vincenzi, Presidente di Anbi – Confidiamo nella sensibilità del presidente Oliverio per la rapida soluzione della vicenda soprattutto in un momento come l’attuale, in cui la Regione Calabria è chiamata ad importanti e positive scelte per il futuro dei Consorzi di bonifica calabresi».
Il consigliere regionale del gruppo misto Wanda Ferro ha incontrato Manno nel piazzale della Cittadella. «Se il presidente Manno – ha detto Wanda Ferro -, noto per la sua moderatezza, e’ stato costretto ad una iniziativa tanto clamorosa, è perché non ha trovato ascolto in una politica che vuole restare sorda ad ogni richiamo, che resta arroccata anche di fronte agli appelli costruttivi di chi conosce in maniera approfondita i problemi del territorio e ha le competenze per contribuire alle soluzioni».