sabato, 06 Marzo
Ultimo aggiornamento alle 12:33
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

«Non si può rinunciare all'industria 4.0 e all'intelligenza artificiale»

COSENZA «Rinunciare all’innovazione è come abdicare al ruolo di imprenditori. Industria 4.0 e intelligenza artificiale rappresentano realtà cui non possiamo fare a meno. Sono la frontiera di riferi…

Pubblicato il: 26/03/2018 – 17:37
«Non si può rinunciare all'industria 4.0 e all'intelligenza artificiale»

COSENZA «Rinunciare all’innovazione è come abdicare al ruolo di imprenditori. Industria 4.0 e intelligenza artificiale rappresentano realtà cui non possiamo fare a meno. Sono la frontiera di riferimento per chiunque abbia a cuore il sistema economico in generale». Parola di Alessio Rossi, presidente nazionale dei giovani imprenditori di Confindustria, intervenuto a Cosenza al convegno organizzato dal Gruppo giovani imprenditori di Unindustria Calabria sul tema delle nuove tecnologie.
«Chi non investe in innovazione si ferma, muore e spegne la macchina. Ce ne stiamo rendendo sempre più conto. Il processo formativo – ha sottolineato il leader degli imprenditori under 40 di Confindustria – è cruciale più dell’acquisto dei macchinari. La formazione è la chiave di volta: dobbiamo capire come utilizzare digitale e nuove tecnologie per far fare alla macchina ciò che a noi interessa, per far sì che l’intelligenza artificiale soddisfi i nostri bisogni e quelli dei clienti. Attraverso questi investimenti anche una piccola azienda può diventare competitiva».
Sono stati il presidente di Unindustria Calabria Natale Mazzuca, la presidente del Gruppo regionale dei Giovani imprenditori Marella Burza e Roberto Rugna, presidente del Comitato di Cosenza ad aver illustrato il tema dell’incontro e le misure connesse al Piano Industria 4.0. Di «nuovo modo di pensare che non si traduce semplicemente in incentivi fiscali ma in una riconversione innanzitutto di competenze» ha parlato il presidente Mazzuca, a cui ha fatto eco Marella Burza secondo cui «il tema non è lontano dalla nostra realtà e consente di colmare, almeno in parte, il gap che c’è tra il nostro territorio ed il resto del mondo». «Abbiamo il dovere di avere una visione diversa e di capire che ci sono opportunità da cogliere per dare spinta al nostro sistema» ha ricordato Roberto Rugna, mentre i professori dell’Università della Calabria Luigino Filice e Gianluigi Greco si sono soffermati sulla storia e le valutazioni dei benefici delle tecnologie per la società ed il sistema delle imprese. Il responsabile di produzione della Gias Giuseppe Pellegrino ha raccontato di come l’azienda da tanti anni abbia deciso di investire in automazione e tecnologie tanto da farla diventare una best practise in campo nazionale. Interessanti gli interventi dei Presidenti degli altri Comitati provinciali dei giovani industriali, Caterina Froio per Catanzaro, Samuele Furfaro per Reggio Calabria e Fortunato Rizzo per Vibo Valentia e del professore Riccardo Barberi che ha ricordato la data di scadenza del 12 aprile per il bando Poli di Innovazione Smart Manufacturing «che rappresenta l’implementazione di Industria 4.0 per la Calabria, in cui le imprese possono essere fornitrici di servizi per il Polo che fruitori».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb