Ultimo aggiornamento alle 23:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Serra, obbligo di firma ai giostrai arrestati per la rissa di Pasqua

Il gip di Vibo ha convalidato gli arresti. Cinque persone erano finite ai domiciliari in seguito a una violenta lite durante la quale sono stati colpiti anche i carabinieri

Pubblicato il: 03/04/2018 – 17:27
Serra, obbligo di firma ai giostrai arrestati per la rissa di Pasqua

VIBO VALENTIA Sono stati convalidati i cinque arresti effettuati nella giornata di Pasqua dai carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno a seguito di una rissa avvenuta in località Santa Maria del Bosco. Il gip del Tribunale di Vibo Valentia, al termine del rito direttissimo, ha disposto nei loro confronti l’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria. Revocati quindi gli arresti domiciliari nei confronti di Angelo (48 anni), Domenico (25) e Francesco Capomolla (21); Cristian (21) e Marcello Valenti (56 anni), tutti residenti a Serra. I militari avevano ricevuto una segnalazione in merito ad un animato diverbio tra due famiglie di giostrai. Gli uomini dell’Aliquota Radiomobile si erano quindi recati in località Santa Maria del Bosco dove hanno notato alcune persone intente a discutere animatamente tra di loro. Giunti sul posto, i carabinieri hanno anche accertato i motivi del diverbio: in sostanza le due “fazioni” stavano discutendo in merito al posizionamento di alcune “giostre itineranti”, di loro proprietà, in un appezzamento di terreno. Nonostante i continui inviti da parte dei militari dell’Arma a mantenere la calma, i toni si erano alzati sempre di più, tanto da far convincere il capo equipaggio della pattuglia intervenuta a richiedere l’ausilio di altri militari. Gli arrestati, infatti, da lì a poco avrebbero iniziato a colpirsi con calci e pugni, noncuranti della presenza dei carabinieri che cercavano di dividerli e dei vari inviti a loro rivolti a procedere per vie legali. Nella rissa sarebbe stata coinvolta anche una donna e alcuni testimoni che, nell’intento di dividere i litiganti, sono stati più volte colpiti in diverse parti del corpo. Nella circostanza sono stati colpiti anche i due carabinieri, uno dei quali ha riportato varie contusioni non gravi al viso. Alla rissa, inoltre, aveva partecipato attivamente anche un minore, deferito all’autorità giudiziaria competente.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb