Ultimo aggiornamento alle 19:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«Dammi la pensione o ti ammazzo», in manette un 41enne

L’uomo di origine marocchina avrebbe minacciato e colpito con un coltello un suo connazionale in un bar di Gizzeria. Dopo una breve fuga, è stato fermato dai carabinieri

Pubblicato il: 14/05/2018 – 10:48
«Dammi la pensione o ti ammazzo», in manette un 41enne

GIZZERIA «…tu i soldi li hai perché prendi la pensione e quindi me li devi consegnare altrimenti ti ammazzo con questo coltello e mi bevo il tuo sangue…». Queste le parole con cui Abdelouahed Naser, 41enne marocchino minacciava un suo connazionale al fine di farsi consegnare i pochi soldi che l’uomo aveva con sé. Una sera come tante, in un bar di Gizzeria, che si stava per trasformare in una tragedia. Di fronte al rifiuto di consegnare il denaro, Naser si fa violento ed estrae un coltello dalla tasca del giubbotto. La vittima non fa in tempo a scappare. Viene attinta da alcune coltellate, alla mano ed al braccio, mentre il suo aggressore continua ad urlargli contro «dammi il denaro… che ti sto ammazzando». Fortunatamente le grida di vittima e aggressore attirano l’attenzione di due avventori che riescono ad evitare il peggio costringendo Naser ad allontanarsi. Ma lui non è soddisfatto e attende per strada la sua vittima. Lo colpisce con calci e pugni e gli lancia un mattone in pieno volto per poi darsi alla fuga dileguandosi a piedi per le vie del paese. Trauma cranico – facciale con frattura della piramide nasale e varie ferite lacero contuse localizzate sulla regione zigomatica destra e sul dorso della mano sinistra, questo il referto dell’ospedale a seguito dell’aggressione, mentre i carabinieri di Gizzeria si mettono alla sua ricerca, rintracciandolo poco dopo. Mentre i militari lo identificano per deferirlo continua a dimenarsi: «Se non mi togliete le mani di dosso brucio tutta Gizzeria». Nei giorni immediatamente successivi Naser, però, rintraccia la sua vittima e la minaccia: «Adesso vai subito dai carabinieri e ritira la querela….altrimenti se la scorsa volta ti sei salvato adesso ti ammazzo…». Episodio anche questo documentato dai carabinieri. Il Tribunale di Lamezia Terme ha quindi emesso nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per tentata estorsione, lesioni personali e tentata violenza privata.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x