Ultimo aggiornamento alle 15:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Nuovo "avvertimento" alla madre di Matteo Vinci, «ancora senza scorta» – VIDEO

Rinvenuto un bastone poggiato al lucchetto del cancello del terreno di proprietà della famiglia. Il legale di Rosaria Scarpulla: «La situazione si sta aggravando di giorno in giorno». La salma del …

Pubblicato il: 25/05/2018 – 13:54
Nuovo "avvertimento" alla madre di Matteo Vinci, «ancora senza scorta» – VIDEO

VIBO VALENTIA L’avvocato Giuseppe De Pace, legale della famiglia Vinci-Scarpulla, vittima dell’autobomba del 9 aprile scorso a Limbadi che ha provocato la morte di Matteo Vinci, di 43 anni, e il ferimento del padre Francesco, ha lanciato un nuovo appello per l’assegnazione di un servizio di scorta alla signora Rosaria Scarpulla, madre del morto. Lo ha fatto, questa mattina, incontrando i giornalisti davanti il palazzo di giustizia di Vibo Valentia. Il legale ha fatto riferimento anche all’ultimo “messaggio intimidatorio” in ordine di tempo recapitato alla donna ieri con il rinvenimento di un bastone appoggiato al lucchetto posto a chiusura del cancello di accesso al terreno di proprietà della famiglia Vinci-Scarpulla. «Un chiaro segnale di avvertimento – ha detto l’avvocato De Pace – un modo per farle capire se non la smette di parlare finirà come il figlio ed il marito». Sull’accaduto sono stati allertati i carabinieri che si sono portati sul posto ed allo stesso tempo è stato avvertito il prefetto di Vibo Valentia. «La gravità della situazione si sta innalzando di giorno in giorno, ciononostante – ha detto ancora De Pace – nei confronti della signora Scarpulla non sono state adottate le misure di tutela adeguate. Due aggressioni, avvertimenti, e la devastante autobomba non sono forse sufficienti per istituire un servizio di scorta sia della donna che del marito nel momento in cui uscirà dall’ospedale. O bisogna attendere che si verifichi qualcos’altro ai loro danni? Poi sarà troppo tardi per rimediare». De Pace ha anche riferito «di aver parlato due giorni fa con il procuratore capo della Dda di Catanzaro, Nicola Gratteri», al quale, ha aggiunto, «ho esposto la vicenda. Mi ha riferito che interesserà il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica», organismo che deve decidere se innalzare il grado di protezione della famiglia. Nelle more l’ultimo «episodio che nella simbologia mafiosa – conclude l’avvocato De Pace – rappresenta un chiaro avvertimento a stare zitti».
Intanto la salma di Matteo Vinci è stata consegnata ai familiari. Completati tutti gli esami autoptici e medico-legali utili allo sviluppo delle indagini sarà possibile celebrare i funerali per i quali comunque ancora non è stata stabilita la data. Si attende, infatti, che il padre Francesco, rimasto gravemente ferito nell’attentato, venga dimesso dal centro Grandi ustioni dell’ospedale di Palermo, dove si trova tuttora ricoverato.
https://www.youtube.com/watch?v=4anf8cKdpvg&list=UUgeKpgq9q1yNdjUVUWd0XrQ

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x