Ultimo aggiornamento alle 7:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«Nel 2019 partiranno i cantieri di Antica Kroton»

Enzo Sculco risponde alla senatrice Corrado sul progetto finanziato con oltre 61 milioni di euro: «Sono fondi di competenza regionale»

Pubblicato il: 26/07/2018 – 17:42
«Nel 2019 partiranno i cantieri di Antica Kroton»

CROTONE Il 30 luglio prossimo si procederà alla firma delle schede del progetto Antica Kroton. La notizia è stata diffusa questa mattina dal leader dei “DemoKratici”, Enzo Sculco. La firma delle schede rappresenta il via libera alla realizzazione di un progetto che ha avuto un finanziamento di 61 milioni e 700mila euro di fondi Pac. Sempre secondo Sculco le attività burocratiche dovrebbero essere concluse entro la fine dell’anno in corso e i cantieri dovrebbero essere avviati nel 2019. Il “reuccio di via Firenze” nel suo ragionamento liquida senza appello le polemiche messe in campo dalla senatrice M5S Margherita Corrado, che chiede al Mibact la nomina di un commissario per la gestione delle attività previste dal progetto. Secondo Sculco, infatti, il Mibact non avrebbe alcuna competenza sui fondi destinati alla realizzazione del progetto. «Si tratta – ha sottolineato – di fondi esclusivamente regionali». Fondi Pac assegnati dalla Regione Calabria, e con la firma delle schede si demanda la fase operativa e realizzativa al Comune di Crotone. L’idea progettuale è stata ipotizzata alla fine del secolo scorso e il primo riconoscimento finanziario è arrivato al tempo della giunta Scopelliti. All’epoca si trattava di fondi per il Sud ed erano 100 milioni di euro, che sono successivamente diventati 65, perché la giunta Scopelliti spostò su altre attività 35 milioni di euro. Attività che non avevano alcuna attinenza con il progetto Antica Kroton e con il territorio di Crotone o della sua provincia. I restanti 65 milioni dei fondi per il Sud all’epoca non sono stati spesi e non sono stati nemmeno predisposti i progetti. L’attuale governatore della Calabria, Mario Oliverio, spinto anche dai sindacati e dall’ex sindaco Peppino Vallone, ha ripreso il progetto e individuato nei fondi Pac la cassaforte dove effettuare il nuovo prelievo. I fondi Pac hanno prodotto una nuova “cura dimagrante”: da 65 milioni si è scesi a poco meno di 62. L’ipotesi progettuale è stara ripresa dall’attuale sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, che con Oliverio ha firmato l’accordo “di Santa Lucia” (13 dicembre scorso).

g. m.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x