Ultimo aggiornamento alle 9:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Conti bancari hackerati, «110 "sprovveduti" rischiano l'accusa di riciclaggio»

Il procuratore capo di Reggio Calabria Bombardieri, spiega i punti di connessione tra l’indagine sul traffico di droga e quella sulla truffa dell’home banking: «Gli spacciatori cercavano conti dove…

Pubblicato il: 07/08/2019 – 15:10
Conti bancari hackerati, «110 "sprovveduti" rischiano l'accusa di riciclaggio»

REGGIO CALABRIA «Sono due operazioni condotte in ambiti diversi ma convergenti. Da una parte un’organizzazione che aveva creato un vero e proprio mercato di spaccio al minuto di sostanze stupefacenti di varia natura. Organizzazione che, peraltro, era alla ricerca, ed è questo il punto di contatto con l’altra indagine, di soggetti che mettessero a disposizione i propri conti, dove “parcheggiare” le somme dei proventi dell’attività di spaccio». Così il procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri ha sintetizzato le due operazioni condotte dai carabinieri che hanno portato all’arresto di 18 persone.
Quella relativa allo spaccio, ha aggiunto Bombardieri, «è stata un’indagine che è partita dal basso, dall’arresto di uno spacciatore, dal sequestro della droga in suo possesso, di appunti, con cifre e nomi e da lì si è partiti con un’indagine pura che porta a risalire pian piano all’organigramma dell’organizzazione al cui vertice c’è Francesco Lonano. Era un’organizzazione pericolosa, perché spacciava vicino alle scuole e in strada».
«L’altra indagine – ha sottolineato il Procuratore di Reggio – ha come punto di convergenza due indagati, sodali di una seconda organizzazione, collegata con l’estero, dedita ad acquisire somme di denaro attraverso bonifici che venivano fatti sui conti di ignare vittime che erano state invitate, attraverso la tecnica del “phishing” a fornire codici e password dei propri
conti correnti. All’operazione, con l’apertura di oltre 110 tra conti correnti e sottoscrizione di postepay, si sono prestati altrettanti “sprovveduti”, che ora rischiano l’accusa di riciclaggio».
Alla conferenza stampa, oltre a Bombardieri, hanno partecipato il comandante provinciale dei carabinieri Giuseppe Battaglia, il comandante del reparto operativo Stefano Romano, ed i marescialli Francesco Pati e Mattia Amoruso che hanno spiegato il ruolo dei vari soggetti nelle due organizzazioni.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x