Ultimo aggiornamento alle 23:15
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Settimana Unesco per l'ambiente, ecco le iniziative della Regione

Tra le attività dell’assessorato all’amniente, anche la costituzione di una rete calabrese di educatori ambientali

Pubblicato il: 25/11/2019 – 16:05
Settimana Unesco per l'ambiente, ecco le iniziative della Regione

CATANZARO Illustrate stamattina in una conferenza stampa alla Cittadella le iniziative promosse e organizzate dalla Regione Calabria in occasione della Settimana Unesco di educazione alla sostenibilità 2019 dedicata al tema “Cambiamenti climatici e salute”. All’incontro hanno preso parte l’assessore regionale all’ambiente Antonella Rizzo, l’assessore all’urbanistica Franco Rossi, il dirigente generale del dipartimento ambiente Orsola Reillo e il dirigente regionale Gabriele Alitto.
Sono state presentate le iniziative realizzate in Calabria dall’assessorato all’ambiente che, nell’ambito del progetto Follow Environment finalizzato alla costituzione di una rete calabrese di educatori ambientali, ha coinvolto i beneficiari dell’avviso di educazione ambientale in un programma collettivo regionale attraverso seminari, laboratori didattici, incontri di partecipazione, convegni e momenti di sensibilizzazione sul tema cambiamenti climatici e salute.
«Si tratta di un tema – ha spiegato l’Assessore Rizzo – apolitico e apartitico ma che deve essere colto invece in maniera trasversale da ogni cittadino. Quello che sta succedendo in merito all’emergenza climatica è sotto gli occhi di tutti. Per questo come Regione abbiamo risposto all’appello lanciato dall’associazione Friday for Future, dichiarando con una delibera di Giunta lo stato di emergenza climatica ed ambientale e impegnando l’ente nel coordinare e rafforzare le politiche, le azioni e le inziative volte al contrasto dei fattori antropici che concorrono al cambiamento climatico. Abbiamo anche inviato il provvedimento a tutti i comuni calabresi affinché tutte le amministrazioni possano recepirlo, così come è già successo nel comune di Acri. Ma più in generale la Regione Calabria ha cambiato approccio nell’attuare la propria azione di governo, condividendo in maniera interdipartimentale i programmi e le azioni da portare avanti. Ne è esempio il lavoro che in questi anni abbiamo realizzato in sinergia tra il settore Ambiente e quello dell’Urbanistica».
Dello stesso avviso l’Assessore Rossi che ha parlato di «una piccola ma significativa rivoluzione, quella messa in moto dalla Regione, che ha ribaltato l’impostazione programmatica, condividendo le azioni con i dipartimenti e puntando direttamente sull’atteggiamento delle popolazioni quali agenti principali del cambiamento».
Il dirigente Alitto ha invece illustrato il progetto Follow Environment che ha avuto lo scopo di coordinare e animare le attività di educazione ambientale regionali, per mettere a sistema le esperienze e sviluppare e diffondere le migliori pratiche educative e divulgative presenti sul territorio in modo da garantirne la replicabilità nel tempo. 20 su 21 Ambiti Paesaggistici Territoriali finanziati, 54 Proposte pervenute – di cui 17 soggetti pubblici, 12 privati, 25 altre tipologie (fondazioni, associazioni, onlus), 20 Proposte ammesse a finanziamento provenienti da 16 beneficiari in partenariati pubblico-privati, 33 partenariati attivati, 280 scuole calabresi coinvolte sull’intero territorio regionale, oltre 33.000 studenti di ogni ordine e grado di oltre 1400 classi, i numeri del progetto che ha avuto una dotazione finanziaria di circa 1,5 milioni di euro.
Il dirigente Generale del dipartimento Ambiente Orsola Reillo ha rimarcato come «ambiente e territorio siano inscindibili» e ha ricordato che «la Regione sta approntando la redazione della strategia regionale dello sviluppo sostenibile». Durante l’inziativa sono anche intervenuti il presidente regionale degli agronomi Francesco Cufari che ha sottolineato come la Calabria si una delle regioni più all’avanguardia per quanto riguarda le tecniche agronomiche rispetto anche alle emergenze climatiche del nostro tempo, prima come numero di aziende biologiche in Italia e terza in Europa; il Presidente del Parco Sila Francesco Curcio; Carmen Gangale, in rappresentanza del Museo di Storia naturale e orto botanico, tra i soggetti beneficiari di finanziamento, così come Silvia Cammarata dell’associazione Casa natura Rende che ha chiesto al mondo della politica calabrese una tutela legislativa per chi si adopera a favore dell’ambiente.
Infine hanno preso la parola alcuni membri dell’associazione Friday for Future che attraverso un documento hanno voluto ribadire le loro richieste in merito alla messa in sicurezza del territorio calabrese, la bonifica di tutti i siti inquinanti, lo smaltimento trasparente e l’applicazione effettiva delle direttive europee in materia ambientale.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x