Ultimo aggiornamento alle 8:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Coronavirus, continua la fuga verso il Sud: pendolari in partenza da Roma ma senza controlli

Secondo “Il Messaggero” centinaia di persone sono partite dalla capitale diretti al Sud e in Calabria ma senza alcun controllo. I pendolari: «Ma devo davvero compilare il foglio?»

Pubblicato il: 11/03/2020 – 17:34
Coronavirus, continua la fuga verso il Sud: pendolari in partenza da Roma ma senza controlli

ROMA Come a Milano nella notte tra sabato e domenica scorsi. Una fuga quasi disperata e incontrollata. Accade all’autostazione Tibus della Tiburtina, a Roma, da dove per intenderci partono ogni giorno decine di autobus diretti in Campania, Molise, Abruzzo e anche in Calabria. Qui centinaia di viaggiatori si sono ritrovati, pronti a lasciare la capitale, ma senza alcun controllo. Già perché secondo “Il Messaggero” la quasi totalità dei partenti dalla Tibus erano sprovvisti della necessaria autocertificazione per muoversi tra le regioni e le città del Paese, così come previsto dall’ultimo Dpcm varato dal Governo Conte dallo scorso 9 Marzo per cercare di contenere l’epidemia da coronavirus in tutta Italia.
IN FUGA MA SENZA CONTROLLO Come riportato dal quotidiano romano, dunque, almeno un viaggiatore su due non avrebbe avuto nulla da mostrare agli eventuali controlli che, di fatto, non ci sono stati. E ieri pomeriggio – dunque molte ore dopo l’annuncio del Premier Conte – decine di passeggeri in partenza anche per la Calabria quel foglio di carta non l’avevano né compilato né stampato. Secondo quanto appreso ancora da “Il Messaggero” oltre alla vigilanza privata che peraltro non è tenuta a svolgere questa mansione, non c’era neanche un agente di polizia, un carabiniere o un vigile urbano.
NESSUNA SPIEGAZIONE Alcuni dei passeggeri, quelli più coscienziosi, avrebbero anche chiesto informazioni alla biglietteria senza ottenere alcuna risposta. «Ma lei non ha una copia da potermi dare? Scusi ma poi a chi lo devo fare vedere? Chi me lo deve controllare?». C’è chi, invece, cade dalle nuvole: «Ah sì quella, ma la devo davvero compilare?».
I CONTROLLI La Capitale solo in queste ore sta provvedendo ad intensificare i controlli ma intanto per tutta la giornata di ieri centinaia di pendolari sono partiti per raggiungere i familiari e le loro abitazioni in altre regioni e in Calabria. Alla faccia dell’allarme per il coronavirus e in barba a quanto previsto del Governo, mettendo a rischio la salute dei propri cari. (Gi.Cu.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x