Ultimo aggiornamento alle 15:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Asp Catanzaro, Cisl: «Nessun riconoscimento ai medici del 118»

Inadeguatezze nella gestione dell’emergenza. Accorinti assicura che sarà raccolto un dossier con tutte le segnalazioni documentate

Pubblicato il: 13/03/2020 – 18:49
Asp Catanzaro, Cisl: «Nessun riconoscimento ai medici del 118»

CATANZARO «Mentre in tutto il paese l’emergenza Covid-19 mette a rischio la tenuta del SSN e la tutela della salute di tutta la popolazione e da settimane ai medici che nei dipartimenti di urgenza e/o corsia aiutano i cittadini senza risparmiarsi viene riconosciuto ed elogiato il prezioso lavoro, l’ASP di Catanzaro nega ai sanitari del SUEM 118 la giusta valorizzazione della loro opera». È quanto afferma il segretario regionale Cisl Medici Calabria, Nino Accorinti.
«Tutto ciò – prosegue – è inaccettabile, come inammissibile è l’inadeguatezza gestionale dello stesso servizio dove i medici sono costretti a turni massacranti, che generano stress e disagio psicofisico, senza che sia assicurata la sicurezza personale in quanto i dispositivi di protezione individuale per l’emergenza Covid-19 sono ancora insufficienti.
La carenza di personale ha poi determinato situazioni paradossali con ambulanze senza medici, laddove la de-medicalizzazione è l’antitesi del soccorso in emergenza-urgenza e l’intervento del medico fa la differenza tra la vita e la morte.
Se qualcuno volesse dare un’occhiata alle nostre frequenti denunce vedrebbe che la Cisl Medici lo evidenzia da tempo.
La migrazione dei medici dell’emergenza-urgenza territoriale verso altri settori è cresciuta e si accrescerà ancora senza i dovuti e naturali percorsi aziendali che ne riconoscano la dignità professionale, l’equo riconoscimento economico con l’indennità aggiuntiva e la tutela psicofisica del personale che continua con abnegazione il proprio lavoro mettendo a serio rischio la sicurezza propria e dei propri familiari in questa difficilissima prova dell’emergenza Covid-19».
«Non c’è più tempo da perdere! Le Aziende – sostiene Accorinti – hanno il dovere di mettere in atto tutte le misure di sicurezza per la tutela del proprio personale poiché ogni operatore disponibile sul campo è, ad oggi, il bene più prezioso per il nostro sistema sanitario. Infatti, quello che doveva essere in Calabria “un cordone sanitario impenetrabile”, così come definito dal referente vicario per la maxi emergenza, il Direttore del SUEM 118 di Catanzaro, si è dimostrato un ennesimo fallimento, d’altronde facilmente prevedibile».
«La Cisl medici – conclude il segretario regionale – come attuato in altre Regioni, raccoglierà tutte le segnalazioni documentate relative alla inadeguatezza nella gestione dell’emergenza urgenza territoriale (sia delle guardie mediche che del SUEM 118) e delle dotazioni dei dispositivi di protezione che perverranno dai sanitari, per costituire un dettagliato dossier a tutela non solo dei propri iscritti ma di tutti gli operatori sanitari».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x