Ultimo aggiornamento alle 22:39
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Gioiosa Jonica, ucciso dal cugino per errore

I carabinieri hanno risolto in 48 ore il caso della morte di Pasquale Schirripa. I due volevano abbattere un cinghiale

Pubblicato il: 19/03/2020 – 6:33
Gioiosa Jonica, ucciso dal cugino per errore

di Fabio Papalia
GIOIOSA JONICA – Una insolita battuta di caccia conclusa in tragedia. I Carabinieri in meno di 48 ore hanno fatto luce sulla morte di Pasquale Schirripa, l’operaio specializzato Enel incensurato di 61 anni il cui corpo è stato rinvenuto martedì mattina in contrada Furro di Gioiosa Jonica. A ucciderlo, per errore, è stato suo cugino, S.R., pensionato incensurato di 64 anni di Marina di Gioiosa Jonica. Ieri pomeriggio l’uomo si è presentato in casera, accompagnato dal suo avvocato, e ha raccontato tutto ai carabinieri e al sostituto procuratore di Locri. Alle prime luci dell’alba di martedì 17 marzo ha raggiunto suo cugino Pasquale e insieme i due hanno architettato un piano per scacciare un cinghiale che durante la notte era riuscito a entrare nella porcilaia di proprietà di Schirripa. Quest’ultimo si è piazzato dentro al recinto per attirare l’animale verso la rete metallica, al di fuori della quale il cugino, armato di fucile, avrebbe dovuto abbattere il cinghiale. La fitta vegetazione frapposta tra i due, però, si è messa letteralmente di traverso nei piani di caccia dei cugini e quella che doveva essere una perfetta manovra di accerchiamento si è tramutata improvvisamente in tragedia. Quando il cinghiale è sbucato fuori correndo verso di lui come pianificato, S.R. ha esploso tutti e due i colpi che aveva nel fucile calibro 12, provocando il ferimento della bestia e l’uccisione del cugino. Sulla base del suo racconto, i militari della sezione operativa della Compagnia di Roccella Jonica e i Cacciatori di Calabria hanno rinvenuto, occultata tra la fitta vegetazione, l’arma: una doppietta calibro 12 con matricola abrasa. L’uomo pertanto è stato denunciato in stato di libertà per omicidio colposo e porto illegale di arma clandestina. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb