Ultimo aggiornamento alle 13:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Fratelli del Vibonese scomparsi in Sardegna, due fermi per omicidio

Svolta nelle indagini, padre e figlio di Dolianova accusati di aver ucciso Massimiliano e Davide Mirabello. Gli attriti per un terreno sarebbero all’origine del duplice omicidio

Pubblicato il: 20/03/2020 – 7:50
Fratelli del Vibonese scomparsi in Sardegna, due fermi per omicidio

CAGLIARI Svolta nelle indagini nella scomparsa dei due fratelli di origini calabresi Massimiliano e Davide Mirabello, di 35 e 40 anni, residenti nel sud Sardegna, usciti di casa domenica 9 febbraio a Dolianova senza fare più ritorno. I carabinieri di Cagliari hanno fermato con l’accusa di duplice omicidio gli unici due indagati, Joselito Marras, 57 anni e il figlio Michael di 27.
Padre e figlio sono stati arrestati all’alba dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Cagliari. Secondo l’accusa, i due avevano avuto in passato diversi attriti con i fratelli Mirabello, legati a un terreno confinante. Ai due fratelli calabresi era stato ucciso il cane ed era stato bruciato un capanno e delle attrezzature. Nel 2018 era stato aggredito Michael Marras. Il giovane fu picchiato brutalmente, tanto da riportare 40 giorni di prognosi. Per quell’episodio fu indagato anche uno dei due fratelli. Proprio gli attriti e i problemi precedenti sarebbero all’origine del duplice omicidio.
GLI INDIZI Le ricerche dei due fratelli non si sono mai fermate. Nemmeno l’emergenza legata al coronoravirus ha rallentato l’attività investigativa e i controlli a tappeto nelle campagne, ma dei corpi nessuna traccia.
A carico di Joselito Marras, 57 anni, e del figlio Michael di 27, fermati questa mattina dai carabinieri per il duplice omicidio, ci sono i tanti elementi recuperati proprio nel corso delle indagini: le tracce di sangue trovate lungo la strada in cui è stata anche trovata bruciata l’auto dei Mirabello, un paio di guanti sporchi di sangue e altri indizi tutti trovati grazie al rastrellamento a tappeto condotto dai militari del Nucleo investigativo del Comando provinciale, delle unità cinofile e molecolari e dagli uomini del 9° Battaglione che hanno perlustrato in lungo e largo le campagne e le porcilaie nella zona di Dolianova.
Tutti gli indizi sono stati poi analizzati dagli specialisti del Ris che, con buona probabilità, hanno fornito gli ultimi riscontri. Questa mattina padre e figlio, difesi dagli avvocati Maria Grazia Monni e Patrizio Rovelli, sono stati raggiunti in casa e portati in caserma dai carabinieri.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x