Ultimo aggiornamento alle 11:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Foggetti torna in carcere per un video caricato su "Tik Tok"

Il giudice di sorveglianza, dopo le segnalazioni della Dda di Catanzaro al servizio di protezione, ha disposto la misura carceraria dopo la diffusione sui social di un video che lo ritraeva con att…

Pubblicato il: 07/07/2020 – 15:08
Foggetti torna in carcere per un video caricato su "Tik Tok"

CATANZARO Adolfo Foggetti torna in carcere. A tradirlo è stato un video postato sul social network “Tik-Tok” nel quale al ritmo della colonna sonora della serie Tv dedicata a Pablo Escobar contava delle banconote ed estraeva una finta pistola a giocattolo puntandola alla telecamera. La segnalazione al  servizio di protezione (Foggetti era ristretto ai domiciliari) è stata avanzata dalla Dda di Catanzaro e il giudice di sorveglianza ha ritenuto che la condotta del collaboratore di giustizia cosentino fosse tale da giustificare un suo rientro in cella. Gli atteggiamenti del pentito sono arrivati all’attenzione della magistratura nel corso dell’ultima udienza del processo relativo all’omicidio di Francesco Marincolo, dove il collaboratore di giustizia è stato condannato alla pena detentiva di 10 anni. Adolfo Foggetti, entrò nel programma di protezione nel 2014 poiché ritenuto uno degli uomini d’onore cosentini più importanti della nuova era. Non a caso era rampollo del clan “Bella Bella” retto da Michele Bruni e le sue rivelazioni permisero alle forze dell’ordine di individuare il corpo senza vita di Luca Bruni. Già in passato un video con lui in posa da Re con tanto di corona, aveva tradito, il collaboratore di giustizia che tutt’ora gode dei benefici del programma di protezione.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb