sabato, 06 Marzo
Ultimo aggiornamento alle 0:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

Pochi medici, ecco perché il Piano vaccini va a rilento

Mancano operatori sanitari e siringhe, per i vaccini saranno reclutati volontari e pensionati. In Calabria dosi sommistrate anche fuori dall’orario di lavoro

Pubblicato il: 02/01/2021 – 18:19
Pochi medici, ecco perché il Piano vaccini va a rilento

ROMA Carenze di personale sanitario e di siringhe, alle quali si cerca di sopperire anche con medici in pensione o volontari e le scorte degli ospedali: sono questi alcuni dei problemi che comportano un andamento delle vaccinazioni in Italia meno veloce di quello che si auspicava. È quanto riferiscono all’Ansa diverse fonti delle Regioni, nelle quali queste problematicità sono, a vario titolo, presenti. Nei vari territori emergono problemi organizzativi per le vaccinazioni. In alcune regioni come la Calabria, i medici sono costretti a somministrare le dosi anche fuori dall’orario di lavoro. In alcune strutture di Lombardia e Marche, non sarebbero invece ancora arrivate le siringhe di precisione: si è ricorso in alcuni casi alle scorte degli stessi ospedali.
In alcune strutture della Sardegna le vaccinazioni della ‘fase 1’, partiranno il 7 gennaio, a causa del personale in ferie. In diversi punti vaccinali, il personale – anche alle prese con i tamponi – è pronto a fare i doppi turni mentre in altri è stato necessario richiamare medici in pensione.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb