Ultimo aggiornamento alle 16:32
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Mibact, Corrado: «Corretto l’”errore materiale” sulla sede di Crotone»

La senatrice del M5S: «Un bando-salvavita, indispensabile a far rifiatare un dicastero in affanno per mancanza di personale (ormai quasi 10.000 unità) e scelte organizzativa autolesioniste è riusci…

Pubblicato il: 08/01/2021 – 12:08
Mibact, Corrado: «Corretto l'”errore materiale” sulla sede di Crotone»

CATANZARO «Un “errore materiale” (così definito) è stato corretto dalla Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio: l’Allegato 2 dell’Avviso di selezione per collaboratori delle Soprintendenze pubblicato il 29 dicembre 2020 ora riporta Crotone quale sede della Soprintendenza ABAP di Catanzaro e Crotone. Bene; era doveroso, ma a quando la correzione degli altri errori contenuti nel bando: quelli, ben più gravi, commessi nello stabilire i requisiti per il conferimento degli incarichi?». Lo afferma, in una nota, la senatrice del M5s, Margherita Corrado, componente della Commissione Cultura.
«Come sempre più spesso accade al MiBACT, un bando-salvavita, indispensabile a far rifiatare un dicastero in affanno per mancanza di personale (ormai quasi 10.000 unità) e scelte organizzativa autolesioniste – è scritto nella nota – è riuscito a scontentare tutti. La richiesta, per i profili di archeologo, architetto, ingegnere e storico dell’arte, a fronte della prospettiva di 6 mesi di lavoro presso il MiBACT a partita IVA, di almeno 15 anni di esperienza o di essere docenti universitari della materia, ha giustamente sconcertato i professionisti dei beni culturali, inseriti faticosamente in appositi elenchi solo nel 2019. Elenchi che l’attuale dirigenza MiBACT considera evidentemente un orpello, mentre la discrezionalità, madre del familismo e del clientelismo, è fatta sistema e messa nero su bianco. Essa esclude i giovani, tutti, forse nel timore che alcuni di coloro che hanno meno di tre lustri di ‘esperienza’ nel dicastero a guida Franceschini non siano stati ancora plasmati a dovere…».
«Lasciato intatto l’acronimo, cioè l’involucro esterno – sostiene ancora la parlamentare – al Collegio Romano è cambiata la sostanza e il bando del 29 dicembre lo certifica: eccoci nell’era del MiBACT che si scioglie Mi(nistero) dei B(enefìci) ad A(mici) C(onoscenti) e T(estimoni di nozze)».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb