Ultimo aggiornamento alle 21:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la sentenza

Omicidio Lenti-Gigliotti, condanna a 20 anni per Gianfranco Bruni e Gianfranco Ruà

La Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro ha riconosciuto le attenuanti generiche agli imputati e rideterminato la pena

Pubblicato il: 08/04/2021 – 16:03
di Fabio Benincasa
Omicidio Lenti-Gigliotti, condanna a 20 anni per Gianfranco Bruni e Gianfranco Ruà

COSENZA La Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro, questa mattina, si è pronunciata sul duplice delitto di Marcello Gigliotti e Francesco Lenti in merito alle posizioni degli indagati che hanno scelto il rito abbreviato. Il processo in primo grado si era concluso con la condanna a 30 anni di reclusione per Gianfranco Ruà (difeso dall’avvocato Marcello Manna) e Gianfranco Bruni (difeso dall’avvocato Luca Acciardi). A seguito del giudizio di primo grado, sia la procura antimafia che i legali degli imputati decisero di presentare appello. La procura, infatti, riteneva più giusta la pena dell’ergastolo. Nel corso del dibattimento sono state ascoltate le confessioni sia di Ruà che di Bruni in merito alle modalità di esecuzione dell’omicidio e alla partecipazione allo stesso. La Corte d’Assise, oggi, dopo la camera di consiglio e la requisitoria del procuratore generale che aveva invocato la pena dell’ergastolo ha dichiarato Gianfranco Bruni e Gianfranco Ruà colpevoli dei reati a loro ascritti ma ha riconosciuto le attenuanti generiche sulle aggravanti confessate e rideterminato la pena in 20 anni di reclusione.

La ricostruzione del duplice omicidio

Il racconto dei delitti di Marcello Gigliotti e Francesco Lenti è stato stravolto, sicuramente rispetto a quanto riportato dalle cronache quel febbraio del 1986. Gianfranco Bruni, nel corso del procedimento, ha raccontato una nuova versione dei fatti. «Io di questo duplice omicidio non ne ho mai parlato con nessuno» ha ribadito più volte ai due avvocati dell’imputato Francesco Patitucci, i legali Marcello Manna e Luigi Gullo, ribadendolo con forza ai giudici togati. E così per Gianfranco Bruni – come sostenuto e dimostrato dall’avvocato Acciardi – i due ragazzi, non morirono a casa di Francesco Patitucci durante un pranzo dopo l’uccisione del maiale ma lungo la vecchia strada che collegava l’area urbana di Cosenza con Paola, passando per Falconara Albanese.

La versione di Bruni

«Ero uscito da poco dal carcere – racconterà Bruni nel corso del processo – venne da me Demetrio Amendola e mi disse che dovevamo fare una cortesia ad Antonio Sena». Lo storico boss della ’ndrangheta cosentina reggente della cosca che ne porta il nome insieme a quello di Franco Pino era stufo delle scorribande di Marcello Gigliotti. Lo sgarro per cui avrebbe pagato con la vita è una rapina ad un caro amico di Sena. «Io rispondevo solo agli ordini di Franco Pino – aggiunse Bruni -. Per questo, durante un’udienza del processo “Tre Provincie” al tribunale di Palmi andai da lui per vedere se fosse d’accordo con l’uccisione di Gigliotti. Non ne parlammo apertamente, non avremmo potuto dato il livello di sorveglianza, ma seppure non mi disse in modo esplicito di procedere io capii che il delitto poteva essere compiuto». All’epoca Gianfranco Bruni aveva 23 anni. «Gigliotti si fidava di me, lo stesso Lenti – continuò nel racconto – per questo decidemmo che io ero la persona deputata a chiedergli un appuntamento». La scusa sarebbe stata quella di fare un sopralluogo per mettere a segno una rapina. E quindi Bruni avrebbe così dato appuntamento a Francesco Lenti il quale poi avrebbe avvisato anche Marcello Gigliotti. È così che i due sanno che dovranno percorrere gli ultimi chilometri della propria vita prima di arrivare all’appuntamento con la morte.

Gli omicidi

Lungo la strada che porta a Falconara però, secondo quanto riferito nel corso del processo da Bruni, si trovavano anche altre due persone: Gianfranco Ruà e Demetrio Amendola, quest’ultimo venne ucciso in seguito. «Quando Gigliotti scese dalla macchina – riferisce Bruni – venne freddato da un paio di colpi di fucile. A sparare è stato Ruà. Lenti non volevamo ucciderlo ma, dopo aver assistito alla scena, è andato di matto. Avevamo paura che andasse a raccontare tutto ai carabinieri». Legato e messo in macchina «ancora mezzo vivo» arrivati in una strada impervia decisero che fosse arrivato il momento di dare alle fiamme l’autovettura e il cadavere. «Era molto buio – proseguì Bruni in veste di testimone – Lenti era molto agitato e Amendola lo colpì con l’ascia. Fatti fuori i due, la macchina poi venne data alle fiamme e ritrovata qualche tempo dopo in uno scenario tutto innevato. La fotografia scattata all’epoca è diventata poi emblema dei processi che si sono celebrat

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb