Ultimo aggiornamento alle 22:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Un eco dallo jonio

L’effetto collaterale del virus sulle scuole, Gandini: «I dati non giustificano la chiusura»

L’epidemiologa di fama internazionale ospite del talk de L’Altro Corriere Tv. Puntata dedicata all’incidenza del Covid in fra i banchi

Pubblicato il: 23/04/2021 – 16:26
L’effetto collaterale del virus sulle scuole, Gandini: «I dati non giustificano la chiusura»

CORIGLIANO ROSSANO Didattica, in presenza o integrata? L’effetto collaterale del virus Sars-Cov-2 sulle scuole, sugli alunni fino alla prima media, gli effetti a medio e lungo termine, partendo da cosa suggerisce la scienza. Saranno questi i temi della diciannovesima puntata della trasmissione Un Eco dallo Jonio, il talk prodotto da L’Altro Corriere Tv ed il Corriere della Calabria, che andrà in onda questa sera.
In studio ospiti di Luca Latella due mamme che manifesteranno scuole di pensiero completamente agli antipodi: Elvira Malomo, a favore della didattica in presenza e Adele Barletta, convinta assertrice della didattica a distanza o integrata.
Da Milano, in remoto, in apertura di trasmissione si collegherà Sara Gandini, scienziata italiana di fama internazionale, epidemiologa esperta di biostatistica. Laurea a pieni voti in Statistica all’Università degli Studi di Bologna, master in Biometria presso l’Università di Reading (Regno Unito), un dottorato di ricerca in Epidemiologia all’Università di Birmingham, direttrice (Group leader) dell’unità “Molecular and Pharmaco-Epidemiology” del dipartimento di Oncologia Sperimentale dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, docente dell’European School of Molecular Medicine di Milano, professoressa di statistica medica all’Università Statale di Milano e autrice di oltre di 200 pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali, nel suo curriculum. Fra le “Top Italian Women Scientists”, Sara Gandini spiegherà l’incidenza del virus nelle scuole, se vi è una relazione fra varianti e aule, Covid e mezzi pubblici utilizzati da alunni e studenti, i problemi derivanti dalla didattica a distanza a medio e lungo termine e i dati epidemiologici rapportati alla Calabria «che non sono preoccupanti – dirà – più di altre regioni». In sostanza la scienziata evidenzierà come i dati statistico-epidemiologici non siano sufficienti a giustificare la chiusura delle scuole.

In studio, invece, le due mamme diranno la loro, racconteranno i timori, la preoccupazione dei loro figli, ma anche la voglia di socializzazione e di vivere in prima persona la scuola. Evidenzieranno l’una i vantaggi della did/dad che in teoria dovrebbe tenere lontano il virus dall’uscio di casa, l’altra le eccessive preoccupazioni che attanagliano i genitori a favore della dad se si rispettano le misure di contenimento. La divergenza di vedute sarà pressoché totale. E poi i valzer ordinanze di chiusura e la riapertura ordinata dal Tar, lo stato d’animo dei ragazzi, il rapporto con la scuola e le istituzioni, la rilevanza del Covid sulla socialità e l’apprendimento, per finire con la politica dietro le quinte. Anche su questi punti si confronteranno le due filosofie di pensiero.
L’appuntamento è per questa sera alle 21,00 su L’Altro Corriere Tv (canale 211 del digitale terrestre), sulla pagina Facebook e in streaming sul Corriere della Calabria

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x