Ultimo aggiornamento alle 16:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il progetto

«L’alta velocità passerà da Cosenza». Il governo prepara un progetto “rivoluzionario”

Il sindaco Occhiuto celebra «l’investimento di circa 20 miliardi» inserito nel Pnrr. Sulla linea sarà avviata la sperimentazione di treni a idrogeno

Pubblicato il: 27/04/2021 – 7:18
«L’alta velocità passerà da Cosenza». Il governo prepara un progetto “rivoluzionario”

COSENZA «Da Cosenza passerà l’Alta Velocità» esulta sui propri canali social il sindaco Mario Occhiuto. «Dalle notizie diffuse il governo Draghi ha messo in campo un progetto rivoluzionario dal costo stimato di circa 20 miliardi a cui ancora non è stata prestata l’attenzione dovuta ma che dobbiamo sostenere con tutta la nostra forza perché – una volta realizzato – condizionerà il futuro della città di Cosenza e della zona ionica in un modo veramente straordinario incidendo positivamente sulla economia e sulla ricchezza di tutto il territorio della provincia.

Il progetto

«Si tratta – continua Occhiuto – della realizzazione in sei lotti di una nuova linea ferroviaria di Alta Velocità (vera alta velocità 300km/h, a differenza del progetto del governo Conte che voleva solo velocizzare la vecchia linea) che percorrerà il tragitto da Salerno a Reggio Calabria seguendo l’autostrada del Mediterraneo, deviando da Praia per Tarsia (collegamento con la linea jonica) e passando per Cosenza. Con una trasversale tra Lamezia e Catanzaro. La linea di alta velocità così concepita infatti, quando passerà da Cosenza, consentirà ai cosentini di raggiungere in treno in poche ore la capitale collegandosi agevolmente all’asse Roma-Milano. Non solo, ma la deviazione del tracciato verso Tarsia ricongiungerà funzionalmente ed economicamente l’area urbana di Cosenza con tutta la zona ionica, ora praticamente ormai quasi scollegata e perduta riguardo agli interessi del territorio. Tutto ciò vale molto di più che qualsiasi altra risorsa che poteva esserci assegnata. La nuova linea -se realizzata- migliorerà pure, essendo baricentrica rispetto al territorio attraversato, i collegamenti di rete come Sibari/Crotone, Paola e Catanzaro e metterà in contatto l’alta velocità Milano/Salerno con infrastrutture strategiche come l’aeroporto di Lamezia e il porto di Gioia Tauro. Purtroppo non potrà proseguire per Messina, Catania e Palermo a causa dell’attuale mancanza del Ponte sullo Stretto, ma anche riguardo a questa importantissima opera la discussione è ancora in atto e non è detto che alla fine il maestoso collegamento dell’Europa con l’isola non possa finalmente essere concretamente realizzato».

Sperimentazione di treni ad idrogeno

Sulla stessa linea dovrebbe avvenire la “rivoluzionaria” sperimentazione di treni ad idrogeno, come rende noto l’associazione “Ferrovie della Calabria”. Nei giorni scorsi era stato anticipato il progetto sebbene fosse stato fatto riferimento alla linea della ferrovia jonica reggina.
«All’interno del Pnrr, invece, la linea ferroviaria individuata è stata la Cosenza – Catanzaro di Ferrovie della Calabria», scrive l’associazione in una nota.
«Il 25 aprile è arrivata l’ufficialità, da parte delle stesse Ferrovie della Calabria. In questo caso, ovviamente, la sperimentazione ed una eventuale futura individuazione di questa tipologia di trazione, è più che plausibile e da sostenere fortemente: la “trazione a idrogeno” nasce per sostituire la trazione diesel su linee ferroviarie di interesse prettamente regionale, come il caso appunto della Catanzaro – Cosenza (peraltro a scartamento ridotto, quindi non interconnessa alla rete RFI), non certo su linee ferroviarie classificate direttrici, come la Ferrovia Jonica sulla quale, con estrema urgenza, bisogna puntare al completamento dell’elettrificazione al fine di renderla nuovamente percorribile da servizi ferroviari a lunga percorrenza.
Esprimendo tutta la nostra soddisfazione, quindi, per l’individuazione di una linea ferroviaria idonea a questa tipologia di trazione nella nostra Regione, e considerando che Ferrovie della Calabria avrebbero l’interessante primato della sperimentazione della trazione ad idrogeno sullo scartamento ridotto».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb