Ultimo aggiornamento alle 21:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il processo

Gotha, «il dirigente comunale aiutava la ‘ndrangheta dal 2002»

La requisitoria del pm Musolino: «Cammera ama essere corrotto». Il racconto dei rapporti con Paolo Romeo e con le aziende mafiose

Pubblicato il: 24/05/2021 – 20:21
Gotha, «il dirigente comunale aiutava la ‘ndrangheta dal 2002»

REGGIO CALABRIA Marcello Cammera «è un soggetto che dal 2002 agevola gli interessi delle imprese mafiose, gli interessi di Paolo Romeo e gli interessi di imprenditori interdetti per mafia». Lo ha affermato in aula bunker il sostituto procuratore della Dda Stefano Musolino durante la requisitoria del processo “Gotha”. Nell’udienza di oggi, il pm ha scandagliato la posizione del dirigente comunale di Reggio Calabria imputato per concorso esterno con la ‘ndrangheta.

Il dirigente sapeva di essere «strumentale» alla ‘ndrangheta

Stando alla ricostruzione fatta dal magistrato, Cammera aveva la «piena consapevolezza della perfetta strumentalità del suo ruolo agli interessi apicali della ‘ndrangheta». Musolino ha ricostruito i rapporti di Cammera con Paolo Romeo e ha fatto riferimento alla vicenda in cui il dirigente comunale non ha revocato l’appalto alla ditta Barbieri dopo che questa è stata interdetta dalla prefettura di Reggio Calabria per infiltrazioni mafiose. «Qui dimostriamo – ha detto il pm – almeno 11 episodi in cui oggettivamente la condotta del dirigente comunale Cammera è funzionale agli interessi di imprese riferibili alla ‘ndrangheta. Cammera ha un vizio: non soltanto agevola le aziende mafiose ma gli racconta chi sono i dipendenti interni all’ufficio che ostacolano quelle che sono le strategie poste per agevolarle».

«Cammera ama essere corrotto»

Durante il suo intervento, il pm si è soffermato anche su alcune frizioni tra il dirigente e alcuni imprenditori, anche loro riconducibili alle cosche: «Cammera ci tiene a mantenere una sua autonomia. Ama essere corrotto. È consapevolmente strumentale agli interessi ‘ndranghetistici e ha prestato un contributo costante consapevole e concreto alla realizzazione di questi interessi. La ‘ndrangheta si è sistematicamente organizzata in maniera funzionale a rafforzarsi per raccogliere le occasioni che questa sinergia tra Paolo Romeo e Marcello Cammera consentiva all’intera organizzazione. Ecco perché è ritengo che vi siano gli estremi di responsabilità per il concorso esterno in associazione mafiosa».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x