Ultimo aggiornamento alle 19:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

verso le regionali

Falcone: «Basta giocare al “divide et impera”. Nostro appello è per unire le forze»

La portavoce del movimento “Primavera della Calabria”: «Cambiamento già in atto. Pd e M5S mortificano loro iscritti»

Pubblicato il: 03/07/2021 – 18:38
Falcone: «Basta giocare al “divide et impera”. Nostro appello è per unire le forze»

CATANZARO «Primavera della Calabria nasce per costruire una nuova stagione politica nel campo progressista, fondata sulla valorizzazione della partecipazione democratica e il più profondo rinnovamento rispetto a un passato in cui le scelte politiche hanno seguito la sola logica della conservazione del potere nelle mani di pochi a scapito dei diritti dei più». Così Anna Falcone, portavoce del movimento civico che, in occasione delle prossime regionali, comporrà la coalizione a sostegno della candidatura di Luigi de Magistris al governo della regione.
«È un cambiamento già in atto che raccoglie sempre più consensi e inviti ad andare avanti su questa linea di riscatto della Calabria, rivendicazione di diritti uguali a tutti gli altri cittadini italiani, scelta di rappresentanti politici autonomi e scelti (finalmente) dai calabresi. È grave che anche a livello nazionale si faccia finta di niente e si continui a giocare al “divide et impera”, snocciolando candidature funzionali solo alla conservazione degli eletti e alla mortificazione degli “iscritti” e dei militanti, soprattutto del PD e del M5S. La verità è che molti calabresi hanno già scelto, anche nel campo progressista, e non sono più disposti ad essere trattati come una colonia: fine dei commissariamenti, a partire da quelli della democrazia. È per questo che, in un momento di difficoltà estrema e difficilmente sanabile per il campo progressista, rivolgiamo un appello a unire tutte le forze che realmente vogliono impegnarsi a realizzarla questa stagione di cambiamento vero per la Calabria, contro le logiche del malaffare e della politica clientelare, che da decenni soffocano come una cappa la nostra Regione. È una sfida non solo locale, ma nazionale, contro i comitati d’affari che inquinano il dibattito politico, tanto nel centrodestra, quanto in parte del centrosinistra. Per noi l’unità si costruisce su discontinuità e rinnovamento reali: nella composizione delle liste, nelle politiche, nei linguaggi con cui parliamo ai cittadini. Usciamo dalle stanze chiuse romane, uniamo le energie, le passioni, le competenze delle persone perbene di questa terra per costruire per la Calabria una stagione di buon governo. Primavera della Calabria c’è e continuerà a lavorare per unire ma non per salvaguardare postazioni e privilegi, non per garantire la rielezione di chi ha usato la politica e le istituzioni come strumento di potere personale e controllo del voto clientelare».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb