Ultimo aggiornamento alle 18:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

verso le regionali

Nel centrodestra si stringe su liste e candidati (e si va verso esclusioni “eccellenti”)

Otto potrebbero essere le forze a sostegno di Occhiuto. L’impegno per la “pulizia” degli aspiranti consiglieri: FdI insiste

Pubblicato il: 10/07/2021 – 11:14
Nel centrodestra si stringe su liste e candidati (e si va verso esclusioni “eccellenti”)

CATANZARO È già avanti con il lavoro, il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Roberto Occhiuto, e con lui è già avanti con il lavoro l’intera coalizione che lo sostiene. In netto anticipo su un centrosinistra disperso in mille rivoli, Occhiuto e il suo schieramento hanno di fatto già definito il perimetro dell’alleanza e ora stanno definendo numero e composizione delle liste: fonti del centrodestra ne contano al momento tra le 7 e le 8. Sul piano numerico, in realtà, le liste potrebbero essere anche di più ma la linea che Occhiuto avrebbe già stabilito è quella di stringere al massimo le maglie nella scrematura delle candidature per evitare di perderne il controllo e di mettere in campo “impresentabili” e trasformisti vari: in campo, in questa direzione, c’è già una proposta di Fratelli d’Italia, e nelle sue prime uscite pubbliche anche Occhiuto ha manifestato l’esigenza di fissare severe regole d’ingaggio, e questo ovviamente potrebbe determinare anche clamorose esclusioni.

Liste pulite, Fratelli d’Italia insiste

Comunque, sulla “pulizia” delle liste Fratelli d’Italia non molla la presa. «Stiamo dedicando grande attenzione al tema dei controlli preventivi sulle liste», conferma la coordinatrice regionale di FdI Wanda Ferro, per la quale «è evidente che la norma sugli “impresentabili” è inadeguata, soprattutto perché le indicazioni che arrivano dalla Commissione antimafia sono tardive. Tra le nostre proposte quella, depositata in Commissione antimafia, di anticipare i controlli in modo da consentire ai partiti di intervenire prima della presentazione delle liste elettorali definitive. Certo ciò non mette al riparo da eventuali sorprese, perché i partiti non potranno comunque sapere se un possibile candidato è sottoposto ad indagini coperte da segreto istruttorio, ma almeno di fronte a una indicazione dell’Antimafia ci sarà la possibilità di togliere dalle liste eventuali candidati che risultino avere pendenze processuali o misure preventive. Oggi – afferma la Ferro – sembrano tutti d’accordo, ma quando ho presentato un ordine del giorno alla Camera e un emendamento al decreto Elezioni – su cui nonostante sia stato dichiarato ammissibile c’è stato parere negativo del sottosegretario Scalfarotto – la proposta è stata bocciata da tutti i partiti e votata solo da Fratelli d’Italia. Spero che il consenso espresso sulla stampa intorno alla mia proposta testimoni un effettivo cambio di sensibilità in Parlamento».

Nel centrodestra regna l’ottimismo

Intanto, comunque, la coalizione veleggia con il vento in poppa, a differenza degli avversari che sono fermi sostanzialmente ai box. Scendono i big – oggi tocca ai vertici di Cambiamo, Giovanni Toti e Gaetano Quagliariello, lunedì al leader della Lega Matteo Salvini – e questo dà oggettivamente la misura del clima di ottimismo che si respira nella coalizione. «Forza Italia registra un momento di assoluto benessere, sono tantissime – dice il coordinatore regionale azzurro Giuseppe Mangialavori – le persone che si stanno avvicinando, al netto di qualche defezione che ci può sempre essere ma stiamo strutturando liste competitive. Da qui a breve con il candidato presidente Occhiuto daremo l’ufficialità dei nostri candidati. Ovviamente ci sarà la lista gemella, quella del presidente, che Roberto deciderà come chiamare: anche qui stiamo lavorando e ricevendo richieste di molte adesioni. Siamo sicuri che anche questa volta saremo la forza trainante del centrodestra». A sua volta, il vicecommissario regionale della Lega, Cataldo Calabretta, osserva: «Stiamo selezionando i candidati con l’obiettivo di fare liste competitive, con particolare attenzione alle quote rosa, non è semplice ma vogliamo arricchire le liste. Vediamo entusiasmo, tanta partecipazione, molte richieste di adesione. Il fatto che Salvini dimostra costantemente di tenere alla Calabria galvanizza e ha un effetto trascinamento, oggettivamente – rileva Calabretta – è l’unico leader nazionale che si occupa di temi nazionali al cui interno inserisce i problemi della Calabria prospettando anche delle risoluzioni. Non c’è mai stato nessun leader del partito più importante d’Italia che si sia occupato di Calabria come fa lui». Ancora la Ferro: «Stiamo lavorando alla composizione delle liste con l’obiettivo di proporre ai calabresi nomi di qualità, capaci di esprimere competenza, trasparenza e legame con i territori. Quando si svolgono elezioni nelle regioni o nei grandi comuni Fratelli d’Italia nomina un responsabile della composizione delle liste, e – conclude la coordinatrice regionale di Fratelli d’Italia – sono stata felice che per la Calabria Giorgia Meloni abbia indicato il responsabile nazionale dell’Organizzazione Giovanni Donzelli, un collega che ha grande conoscenza delle dinamiche del territorio e che mi affianca quotidianamente nel percorso di crescita e radicamento del partito sul territorio. Il partito valuterà i profili di uomini e donne capaci di interpretare con capacità e coerenza il nostro progetto di rinnovamento della politica e di buona amministrazione».
Nella prossima settimana i partiti della coalizione dovrebbero ulteriormente definire liste e candidati, partendo dalla riproposizione degli uscenti. Non sono escluse sorprese, visto che davanti alle porte soprattutto dei partiti maggiori c’è effettivamente parecchia coda e quindi i no, anche “eccellenti”, potrebbero fioccare: in particolare Fratelli d’Italia è data in notevole crescendo di appeal anche rispetto alla Lega, alle prese con numerose defezioni (anche se nel Carroccio potrebbe trovare spazio Nicola Paris, consigliere regionale uscente eletto nel 2020 con l’Udc ma poi transitato al Misto). Al momento, a sostegno di Occhiuto fonti del centrodestra annoverano le liste di Forza Italia, del candidato presidente, di Fratelli d’Italia, Lega, Udc, Cambiamo, Noi con l’Italia e di almeno un’altra lista che potrebbe orbitare nella galassia azzurra. (a. cant.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb