Ultimo aggiornamento alle 19:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

operazione geolja

‘Ndrangheta, dopo contrasti il patto di non belligeranza tra Piromalli e Molè

Nuovi equilibri criminali determinati da un accordo tra cosche. È quanto emerge dall’indagine della Dda di Reggio che ha portato a 12 arresti

Pubblicato il: 13/07/2021 – 12:16
‘Ndrangheta, dopo contrasti il patto di non belligeranza tra Piromalli e Molè

REGGIO CALABRIA Le cosche Piromalli e Molè di Gioia Tauro, dopo i contrasti determinati dall’omicidio del boss Rocco Molè, e dopo gli arresti che in questi anni hanno colpito le due famiglie, hanno deciso di stringere un patto di non belligeranza, delineando nuovi equilibri criminali sul territorio e ribadendo il proprio predominio nel settore delle estorsioni. E’ quanto emerge dall’operazione “Geolja” che ha consentito di ricostruire gli assetti delle due cosche ed ha portato all’arresto di 12 persone, tra le quali Girolamo Piromalli, detto “Mommino”, e Salvatore Copelli, nipote del boss Giuseppe Piromalli detto “Facciazza”, entrambi ritenuti ai vertici dell’organizzazione. L’ordinanza, emessa dal gip Valerio Trovato su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, dall’aggiunto Gaetano Paci e del pm Giulia Pantano, è stata eseguita dai carabinieri che hanno arrestato anche Francesco Copelli, Domenico Copelli, Antonio Gerace, Domenico Ragno, Domenico La Rosa, Vincenzo La Rosa, Antonino Plateroti e Rocco Molé. Ai domiciliari sono finiti Giuseppe Pesce e Rocco Giovinazzo. Complessivamente sono 21 gli indagati dalla Dda. L’indagine ha preso avvio dall’incendio, avvenuto nella notte tra il 18 e il 19 agosto 2019, del panificio «L’Arte del Pane” i cui titolari hanno sollecitato l’intervento dei boss di Rosarno, loro paese d’origine, per individuare i responsabili e risolvere la questione mediante la “messa a posto». «Sono venuti con l’intenzione di distruggere perché noi non abbiamo capito circa dieci, quindici volte… Quando quello veniva per soldi, quello, quello là, faceva lo ‘sciacquino’ suo!» dicevano le vittime, intercettate dai carabinieri. Dopo essere stati costretti a chiudere l’attività commerciale per diversi mesi, i due imprenditori hanno prima fatto richiesta di accesso a un fondo di solidarietà del Ministero dell’Interno per le aziende colpite da attentati dolosi e poi sono stati autorizzati dalla ‘ndrangheta a riaprire il panificio subendo sia l’imposizione di prezzi, orari e periodi di ferie, in modo da non danneggiare l’attività concorrente dell’arrestato Antonio Gerace, sia il pagamento del pizzo alla cosca. «Pagano tutti, un’offerta al Santo la fanno tutti quanti! L’offerta al Padre Eterno! Come il film il professore vesuviano, ogni mese passerà da voi un santo, e ognuno avrà il proprio Santo» dice una delle vittime, sempre intercettata, spiegando alla fidanzata come funzionano le cose a Gioia Tauro citando i dialoghi del film “Il Camorrista”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb