Ultimo aggiornamento alle 8:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

INCHIESTA GEENNA

‘Ndrangheta in Valle d’Aosta, confermate 11 condanne nel processo d’Appello – NOMI

Pronuncia su uno dei due filoni riguardanti le infiltrazioni dei clan della Locride al Nord. Pena più alta (12 anni e 7 mesi) per Bruno Nirta

Pubblicato il: 19/07/2021 – 13:49
‘Ndrangheta in Valle d’Aosta, confermate 11 condanne nel processo d’Appello – NOMI

TORINO La Corte d’Appello ha sostanzialmente confermato le 11 condanne inflitte in primo grado in uno dei due processi dell’inchiesta “Geenna”, riguardanti la presenza della ‘ndrangheta in Valle d’Aosta, variando solo tre pene. Quella più elevata, 12 anni e 7 mesi e 20 giorni, è stata inflitta a Bruno Nirta, considerato uno dei vertici della presunta locale. Condannato anche l’avvocato penalista torinese Carlo Maria Romeo (4 anni e 6 mesi). La sentenza è stata pronunciata al termine di un rito abbreviato.
Lo scorso 22 giugno l’udienza era stata dedicata alle arringhe degli avvocati difensori, in particolare sono intervenuti i legali dell’ex consigliere regionale Marco Sorbara, dell’ex consigliera comunale di Saint-Pierre Monica Carcea, e di Alessandro Giachino. Tutti imputati nel filone parallelo dell’inchiesta. Oltre a loro sono a giudizio anche il ristoratore Antonio Raso e l’ex consigliere comunale di Aosta Nicola Prettico.
I condannati dalla Corte d’appello di Torino sono: Giacomo Albanini (1 anno di reclusione, in primo grado gli erano stato inflitti 1 anno e 4 mesi), Roberto Bonarelli (1 anno e 6 mesi), Marco Fabrizio Di Donato (9 anni), Roberto Alex Di Donato (5 anni e 4 mesi), Roberto Fabiani (10 mesi e 20 giorni, in primo grado la pena inflitta era stata di 3 anni), Salvatore Filice (2 anni e 4 mesi), Francesco Mammoliti (5 anni e 4 mesi), Bruno Nirta (12 anni e 7 mesi e 20 giorni, in primo grado erano stati 12 anni e 8 mesi) , Rocco Rodi (1 anno, in primo grado era stato condannato a 1 anno e 4 mesi), Carlo Maria Romeo (4 anni e 6 mesi), Bruno Trunfio (4 anni). Le motivazioni sono attese entro 90 giorni.
I giudici hanno inoltre confermato le provvisionali di risarcimento nei confronti dell’associazione Libera (5.000 euro) e dei comuni di Saint-Pierre (10.000 euro) e Aosta (10.000 euro) da parte di Marco Fabrizio Di Donato, Bruno Nirta, Roberto Alex Di Donato e Francesco Mammoliti; alla Regione Valle d’Aosta (10.000 euro) da Bruno Nirta.
La sentenza dell’altro processo, con rito ordinario e per cinque imputati, è attesa nel tardo pomeriggio. L’inchiesta Geenna, coordinata dalla Dda di Torino, è stata condotta dai carabinieri del Ros e del Reparto operativo di Aosta.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb