Ultimo aggiornamento alle 19:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

Rocca di Neto: troppi contagi, “saltano” le manifestazioni estive

I casi attivi sono 44, quasi tutti asintomatici. Ma il sindaco Dattolo ha deciso di rinviare le iniziative fissate per l’inizio di agosto

Pubblicato il: 30/07/2021 – 17:26
Rocca di Neto: troppi contagi, “saltano” le manifestazioni estive

ROCCA DI NETO Aumentano i contagiati e il sindaco di Rocca di Neto, Alfonso Dattolo, decide di far slittare le manifestazioni estive. I dati dell’Azienda sanitaria provinciale dicono che oggi a Rocca di Neto ci sono 44 soggetti positivi al Covid-18, otto più di ieri. Il bollettino regionale di oggi attribuisce alla provincia pitagorica undici nuovi casi, otto di questi sarebbero stati individuati tra i residenti nel Comune governato da Dattolo.
Secondo quanto riferisce il sindaco la situazione è sotto controllo perché, nella maggior parte dei casi, si tratterebbe di soggetti asintomatici che non richiedono o hanno richiesto il ricovero in ospedale. La situazioni non è allarmante, ma va comunque tenuta sotto controllo per evitare il peggio. Ecco perché Dattolo ha deciso di fare slittare le iniziative già fissate e organizzate per l’1, 3, 4 e 6 agosto ad una data successiva al prossimo 11 agosto. Sempre che, per quella data, la situazione si sia normalizzata. Si valuterà in prossimità dell’11 agosto. La decisione presa non è unilaterale, ma è stata concordata con gli agenti che rappresentano gli artisti che avrebbero dovuto allietare le serate nel Comune di Dattolo. La situazione non è allarmante ma a Rocca di Neto, in proporzione, la percentuale di contagiati resta altissima. I numeri, infatti, vanno rapportati alla popolazione residente che, in questo momento, nel Comune della provincia pitagorica è di circa 6.000 persone. Numeri simili a quelli di Rocca di Neto si hanno a Crotone, dove la popolazione residente supera le 60.000 persone. Non è la prima volta che a Rocca di Neto è scoppiato un focolaio di Covid-19. In precedenza la diffusione era stata attribuita a feste e festini. Questa volta si racconta che il focolaio è riconducibile ad un viaggio all’estero di un giovane. Non ci sarebbero stati controlli adeguati e al suo ritorno a casa il virus si sarebbe propagato in maniera esponenziale, favorito anche dalle abitudini dei giovani di ritrovarsi e stare insieme. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x