Ultimo aggiornamento alle 20:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

caos sanità

Terremoto all’Asp di Cosenza: Friolo si è dimesso, Rizzo ci sta pensando

Il direttore amministrativo lascerà l’1 settembre. Al suo posto Marchitelli. Anche il direttore sanitario starebbe valutando l’ipotesi di mollare

Pubblicato il: 04/08/2021 – 13:18
di Luca Latella
Terremoto all’Asp di Cosenza: Friolo si è dimesso, Rizzo ci sta pensando

COSENZA Prima scossa tellurica di uno sciame sismico che potrebbe colpire nuovamente – ma dal punto di vista gestionale – l’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza: il direttore amministrativo Maurizio Friolo si è dimesso e dal primo settembre lascerà l’incarico. La pubblicazione dell’atto che sancisce il congedo dovrebbe essere prossima, sta di fatto che il dirigente pugliese, nominato dal commissario Vincenzo La Regina a febbraio scorso, ha mollato l’incarico.
Come se non fossero bastate le inchieste giudiziarie che hanno investito l’azienda, decimandone forze, uomini e risorse, non è da escludere che potrebbero giungere anche le dimissioni del direttore sanitario Martino Rizzo, manager nominato nello stesso periodo dal commissario.

I motivi

Alla base ci sarebbero una miriade di problemi, primo fra tutti i ristrettissimi margini di manovra sia dal punto di vista economico che sanitario, il che renderebbe impossibile la missione di rimettere sui giusti binari un ente oberato da decenni di gestioni discutibili che hanno prodotto centinaia e centinaia di milioni di debiti.
Friolo lascia ufficialmente per motivi personali. Nella realtà dei fatti la decisione è scaturita dalle difficoltà riscontrate nella gestione amministrativa dell’azienda, con un’inesistente dirigenza intermedia adeguata a supportare il management nella realizzazione degli obiettivi. Il direttore amministrativo quando era in servizio all’Asl di Taranto poteva contare su una struttura complessa, una segreteria ed un gruppo di persone di supporto utili a centrare importanti riconoscimenti. A Cosenza si è ritrovato a dover fare tutto da solo, a svolgere altre mansioni, comprese quelle di segreteria, quindi nell’impossibilità di andare avanti in maniera serena.

Il sostituto

Al posto di Friolo, La Regina ha già nominato Francesco Marchitelli, direttore amministrativo dell’Asp di Catanzaro nominato il 16 aprile dello scorso anno e già in servizio all’Asl Roma 6.

Rizzo ci sta pensando

In questo bailamme appare comunque certo che il commissario La Regina continuerà a guidare l’azienda ed a svolgere il compito per il quale è stato chiamato. Il direttore sanitario, invece, starebbe anch’egli pensando a dimettersi.
I segnali, in effetti, Martino Rizzo li sta lanciando da tempo. Al Corriere della Calabria ha spesso raccontato le difficoltà nel riuscire a fornire le risposte adeguate al territorio e ad una provincia vasta, senza “armi” e in mezzo – talvolta – a guerre intestine che altro non fatto che zavorrare ulteriormente l’azienda.
Il direttore sanitario aveva iniziato dopo due mesi dal suo insediamento a manifestare i primi malesseri, parlando di «campagna elettorale anticipata» e di «voti che non si guadagnano difendendo un reparto improduttivo», di «orti e orticelli» nel cuore di un’azienda «distrutta» e impantanata nelle sabbie mobili. Addirittura a fine maggio aveva anche fornito dei dati: all’Asp di Cosenza mancherebbero 420 dipendenti.
Nelle prossime ore ne sapremo certamente di più. (l.latella@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb