Ultimo aggiornamento alle 21:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

sos incendi

La Regione finalmente si muove: chiesto (in ritardo) lo stato di emergenza al governo

Formalizzata la proposta dalla Giunta calabrese: con atti successivi saranno quantificati gli enormi danni causati dalle fiamme

Pubblicato il: 11/08/2021 – 19:49
La Regione finalmente si muove: chiesto (in ritardo) lo stato di emergenza al governo

CATANZARO Finalmente la Regione si muove, anche se con un evidente ritardo. La Giunta regionale, su proposta del presidente Nino Spirlì, ha deliberato la richiesta al Governo di dichiarazione dello stato di emergenza «in relazione agli eventi calamitosi derivanti dalla diffusione di incendi boschivi che stanno interessando il territorio della Calabria». Nella delibera si dà anche atto che «si procederà, con successivi atti, alla quantificazione dei danni derivanti dagli eventi, a seguito di apposita ricognizione che verrà effettuata presso i Comuni interessati».
«Il territorio della Calabria – è scritto nel provvedimento – è stato diffusamente interessato, già a partire dal mese di giugno 2021, da un numero estremamente rilevante di incendi boschivi e di interfaccia che hanno provocato ingenti e gravi danni all’intero ecosistema regionale, ivi comprese le colture agricole, gli allevamenti, gli insediamenti civili, rurali ed industriali».
«In particolare – è spiegato –, nelle ultime settimane di luglio e in quella di agosto, si è assistito a una drammatica recrudescenza dei fenomeni, che hanno messo in concreto e immediato pericolo sia il patrimonio boschivo – anche quello vetusto, oggetto di tutela dell’Unesco – che quello abitativo e produttivo, con il proliferare di incendi di interfaccia che hanno provocato ingenti danni alle cose nonché, circostanza ancor più grave, la perdita di vite umane».
«Tuttora insiste, in tutta la regione – si legge nella delibera – una situazione di criticità tale da aver indotto il presidente della Giunta, unitamente al direttore generale del dipartimento di Protezione civile a richiedere al presidente del Consiglio dei ministri, lo stato di mobilitazione nazionale».
«Nei rapporti stilati dall’Azienda Calabria verde, delegata all’attuazione del Piano antincendio boschivo – è scritto ancora – continuano a pervenire, presso le sale operative di Calabria verde e della Protezione civile, numerose richieste di intervento e di soccorso, pure in funzione della tutela della vita umana in caso degli incendi di interfaccia. Appare necessario richiedere, al Governo, la dichiarazione dello stato di emergenza, tenuto conto, fra l’altro, dell’enorme dispiegamento di risorse umane e strumentali impiegate in campo, anche per effetto della presenza delle organizzazioni di volontariato provenienti da altre regioni in virtù della dichiarazione dello stato di mobilitazione nazionale». La Giunta ritiene dunque che sia «necessario ricorrere all’utilizzo di mezzi e poteri straordinari, cui all’art. 24 del D.lgs. 2 gennaio 2018, n. 1, anche al fine di evitare pericoli per la pubblica incolumità e favorire il più rapido ritorno alle normali condizioni di vita delle popolazioni interessate e il ripristino delle strutture e infrastrutture danneggiate».

Spirlì: basta con lo sciacallaggio politico

«Stigmatizzo con forza gli atti di volgare sciacallaggio pre-elettorale messi in atto dal sindaco di Napoli de Magistris e dal responsabile Enti locali del Pd Boccia, capaci di strumentalizzare anche l’emergenza incendi che sta devastando la Calabria». Lo afferma il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì. «De Magistris e Boccia – continua – senza sapere nulla di quanto la Regione, la Protezione civile, Calabria verde, i vigili del fuoco e i volontari stanno facendo da giorni per placare la furia dei roghi che imperversano dal nord al sud della regione, dalle loro comode scrivanie si permettono il lusso macabro di fare campagna elettorale sugli incendi, sulle vittime e sui lutti ambientali con cui le persone dotate di senso delle istituzioni stanno facendo i conti. Prima di scrivere amenità, entrambi avrebbero fatto bene a prendere informazioni da chi è costantemente sul campo e conosce la situazione reale. Il modo in cui de Magistris e Boccia rincorrono i voti dei calabresi, oltre a essere rivoltante – conclude Spirlì – offende i cittadini, il buonsenso e il buongusto».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb