Ultimo aggiornamento alle 13:10
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

vite spezzate

Altea Morelli giovane vittima della Ss 106, «la sua è una morte di Stato»

La 16enne è deceduta in un incidente stradale il 18 luglio. L’appello dei familiari a Buongiorno Regione: «Non fate morire altri ragazzi»

Pubblicato il: 29/09/2021 – 9:17
Altea Morelli giovane vittima della Ss 106, «la sua è una morte di Stato»

CORIGLIANO ROSSANO Altea Morelli è morta a 16 anni a seguito di un incidente stradale verificatosi nella notte tra il 17 e il 18 luglio 2021 sulla Ss 106. Una giovane vita spezzata, l’ennesima vittima della “Strada della morte” che nei nove mesi del 2021 ha causato il decesso di 15 persone. Quella notte, in un altro incidente, perse la vita un altro giovane: il 19 enne Raffaele Misuraca, (LEGGI QUI)

«Una morte di Stato»

Lo zio di Altea, Francesco Berardi, questa mattina è intervenuto nel corso di Buongiorno Regione del Tgr Calabria. «Era una ragazza bravissima, frequentava il Liceo Classico di Rossano, aveva sogni e ambizioni spezzati lungo questa maledetta strada. Era il futuro della nostra terra, la sua è una morte di Stato». Per Berardi, infatti, «la strada non consente una guida sicura e la politica ha responsabilità morali, tutti hanno annunciato interventi ma nessuno ha mosso un dito, nulla è stato fatto nonostante le risorse ricevute». Secondo lo zio di Altea, l’installazione di uno spartitraffico potrebbe quantomeno diminuire il rischio di incidenti mortali, un’opera realizzata con successo anche in altre strade statali calabresi. «Pongo l’accento anche sul mancato sviluppo del territorio – aggiunge – che sconta non solo la presenza di una strada che miete vittime innocenti, ma assenza di infrastrutture, del Tribunale, di una sanità efficiente. Chiediamo ai candidati presidente di restituire dignità a questo territorio». Prima di concludere il collegamento ha preso la parola per pochi secondi anche la mamma di Altea, Rosanna. Il suo è un commosso appello alle istituzioni: «dateci una mano perché altre mamme non debbano perdere un pezzo del loro cuore. Non fate morire altri ragazzi». Presto nascerà un’associazione che sosterrà l’impegno di “Basta vittime sulla SS 106” e porterà il nome di Altea Morelli.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x