Ultimo aggiornamento alle 14:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la convenzione

Agricoltura, siglato l’accordo tra Fai, Flai e Uila e Arsac

Il sindacato: «Un accordo che stabilisce fondi per i premi dei dipendenti, congedo di paternità e migliora le condizioni dei lavoratori»

Pubblicato il: 06/10/2021 – 11:55
Agricoltura, siglato l’accordo tra Fai, Flai e Uila e Arsac

LAMEZIA TERME «È stato siglato lo scorso 27 settembre, presso la sede Arsac (Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura in Calabria) a Cosenza, il rinnovo dell’accordo, di durata triennale (2021/2023), per il conferimento dei premi di produttività per i lavoratori del settore agroalimentare. A renderlo noto – si legge in un comunicato – le Federazioni regionali di categoria Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil, rappresentate per l’occasione, rispettivamente, dal segretario generale Michele Sapia, dalla segretaria regionale Federica Pietramala e dal segretario regionale Antonio De Gregorio, mentre per l’Arsac ha partecipato il direttore generale Bruno Maiolo». Soddisfazione da parte dei sindacati, che dichiarano: «La firma di questo accordo, frutto di un costante e proficuo confronto con la Dirigenza dell’Azienda, rinnova il percorso tracciato nel precedente accordo del 2018, mette in risalto la centralità del lavoro e rappresenta un ulteriore risultato di welfare aziendale che interessa circa 300 dipendenti del settore agroalimentare impegnati sull’intero territorio calabrese. Un accordo che premia le competenze e le professionalità delle lavoratrici e lavoratori, e definisce precisi obiettivi su produttività, qualità del lavoro, efficienza». «Il nuovo accordo sottoscritto – continua la nota sindacale – stabilisce un plafond annuale pari a 200mila euro, con cui verranno finanziati i premi di risultato dei dipendenti, e introduce ulteriori misure rispetto a quanto previsto dalla norme contrattuali in vigore e già applicate in azienda». «In particolare – spiega la nota – viene esteso il congedo di paternità, stabilita una maggiore flessibilità degli orari di lavoro per accrescere il benessere lavorativo e il clima aziendale andando incontro alle necessità di carattere familiare dei dipendenti, possibilità di istituire asili nido all’interno dell’azienda e stipulare accordi con strutture sanitarie per offrire ai lavoratori dipendenti condizioni di erogazioni dei servizi agevolati. Un importante percorso che sarà monitorato dalla “Commissione Produttività e Welfare” composta dalle Organizzazioni Sindacali firmatarie e dirigenti dell’Arsac». «L’accordo regionale sulla produttività aziendale – concludono i segretari regionali di Fai, Flai e Uila – rappresenta un fondamentale percorso di confronto per promuove il benessere lavorativo in una azienda regionale che crediamo sia di straordinaria importanza per il comparto agricolo calabrese. Ma sarà altrettanto strategico – conclude la nota – definire ulteriori investimenti e azioni per rafforzare sull’intero territorio calabrese quelle attività di ricerca e sperimentazione dell’Arsac, che riteniamo essenziali per il comparto, in particolare per tutelare le aree rurali, sostenere il presidio umano e la cooperazione, valorizzare le eccellenze delle produzioni agroalimentari nostrane e rispondere alle esigenze di sostenibilità ambientale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb