Ultimo aggiornamento alle 12:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la partnership

Inaugurato il corso di laurea in Medicina. «Unical e Umg brave a superare i campanilismi»

Il ministro Messa in collegamento video plaude allo sforzo profuso dai due Atenei. All’esterno studenti in protesta per le borse di studio

Pubblicato il: 11/10/2021 – 13:01
di Fabio Benincasa
Inaugurato il corso di laurea in Medicina. «Unical e Umg brave a superare i campanilismi»

COSENZA Si apre con la Lectio magistralis “Medicina e intelligenza artificiale” del rettore dell’Università della Calabria, Nicola Leone, l’inaugurazione del primo anno accademico del corso di laurea Medicina e tecnologia digitali. L’Aula Magna accoglie docenti e studenti (rispettando le rigorose norme di distanziamento imposte dal Covid), mentre in collegamento video, il ministro dell’Università e della ricerca Maria Cristina Messa ascolta con attenzione le parole del Magnifico Rettore prima di prendere la parola per le conclusioni. Lo sciopero nazionale dei trasporti non ha consentito a Messa di prendere parte in presenza all’evento.

«Un corso innovativo»

L’innovativo corso di studi prevede – oltre alle competenze tipiche della formazione di un medico – anche l’acquisizione delle conoscenze utili per padroneggiare le nuove tecnologie e applicarle in ambito sanitario e l’apprendimento di metodi e tecniche proprie dell’Intelligenza artificiale e della Bio-informatica, necessari per ideare e sviluppare nuove applicazioni per i settori della medicina di precisione, della telemedicina, della medicina personalizzata, della chirurgia robotica. Grazie a queste competenze aggiuntive, certificate dal conseguimento del doppio titolo (laurea magistrale in Medicina e Chirurgia e laurea triennale in Ingegneria Informatica, curriculum bioinformatico), i laureati saranno dunque professionisti formati per affrontare le sfide presenti e future in campo sanitario, capaci di gestire l’innovazione e di contribuire all’innovazione stessa. Sono al momento 50 gli studenti immatricolati, ma i posti totali disponibili sono sessantacinque, di cui cinque riservati agli studenti stranieri.

Gli interventi dei rettori

Il Rettore dell’Umg di Catanzaro, Giovambattista De Sarro si rivolge alle matricole, cita Maria Montessori sull’importanza dell’Università. «In questo corso di laurea non dovrete essere dei medici, ma contemporaneamente medici e ingegneri. Il connubio fra le due discipline è molto importante», dice De Sarro che aggiunge: «Il Covid ha mostrato quanto sia importante preparare adeguatamente i nostri medici che devono essere in grado di fronteggiare qualsiasi situazione di emergenza». Il Rettore Leone, invece, consiglia agli studenti di sfruttare la grande occasione concessa per «aumentare la coscienza critica». «L’Università – continua – vi permetterà di crescere e maturare».

Il divario tra ricerca e conoscenza

In collegamento video, le conclusioni spettano al Ministro dell’Università e della ricerca Maria Cristina Messa. «Il progetto che oggi si inaugura ha tutta la mia ammirazione, si tratta di un corso innovativo e noi abbiamo estremo bisogno di innovazione». Per il ministro «oggi viviamo un enorme divario tra ricerca e conoscenza. Dobbiamo recuperare in breve tempo quello che non è stato fatto negli anni passati e l’applicazione dell’intelligenza artificiale in medicina è garanzia per i medici di consapevolezza e conoscenza, sosterrà la nostra sanità». Messa poi si sofferma sul rapporto tra scienza e tecnologia: «L’arte medica non verrà mai a mancare e non sarà minato in alcun modo dalla presenza dell’intelligenza artificiale. Una macchina non può tenere conto delle emozioni. Che per i medici sono invece fondamentali. Le abilità che si acquisiscono con il tempo». La chiosa il ministro la dedica allo sforza profuso dai due Atenei universitari, Unical e Umg, per «dar vita ad un corso che supera ogni campanilismo e offre una grande opportunità agli studenti che decideranno di seguirlo». Un grande aiuto arriverà dai fondi previsti nel Pnrr «legato al green e soprattutto al digital importante per valorizzare scuola, università e ricerca. Saranno moltissime le azioni di orientamento e messa a punto dei sistemi informativi per gli insegnanti e non solo per gli studenti».

La protesta degli studenti

L’inaugurazione del nuovo corso di Laurea è stato accompagnato dalla protesta all’esterno della sala convegni “Beniamino Andreatta” inscenata dagli studenti di “Rinnovamento e Futuro” e “Athena”. Oggetto della manifestazione pacifica i dubbi relativi all’erogazione delle borse di studio assegnate e delle trattenute sui compensi finali (QUI VIDEO E NOTIZIA).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb