Ultimo aggiornamento alle 13:12
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’iniziativa

A Lamezia “Un albero per il futuro”: dalla tutela all’educazione ambientale – VIDEO

Iniziativa al Parco Gancìa “Tramonte Cristiano” tra l’ascolto della “melodia” degli alberi e la tutela del sughero

Pubblicato il: 24/11/2021 – 14:01
di Giorgio Curcio
A Lamezia “Un albero per il futuro”: dalla tutela all’educazione ambientale – VIDEO

LAMEZIA TERME Riscoprire il paesaggio e gli habitat naturali vicini al proprio territorio, ma soprattutto tramandare i messaggi che la natura ci trasmette e i valori che ne garantiscano la tutela e salvaguardia negli anni a venire. È un po’ questo il senso dell’iniziativa “Un albero per il futuro”, organizzata questa mattina negli spazi naturali del Parco Gancìa “Tramonte-Cristiano”, nel quartiere Sambiase, a Lamezia Terme, in occasione della Giornata nazionale dell’albero e che ha visto il coinvolgimento delle associazioni “L’albero della vite” e “Via degli Ulivi”, insieme al prezioso contributo dei Carabinieri del Reparto Biodiversità di Catanzaro.  Insieme ai bambini dell’Istituto comprensivo “Borrello-Fiorentino”, infatti, questa mattina sono stati messi a dimora 30 ginestre e 10 querce, piante che saranno geolocalizzate. 

La “melodia” delle piante

Tra i momenti più significativi della mattinata, poi, l’ascolto di una vera e propria “melodia” prodotta da alcune piante e “tradotta” da una particolare apparecchiatura dei carabinieri forestali. «Una giornata straordinaria – ha spiegato Saveria Sesto ai microfoni del Corriere della Calabria – perché non solo abbiamo piantumato le piante insieme ai bambini, ma abbiamo anche sentito il suono prodotto dalle stesse ginestre e dalle querce perché sono a tutti gli effetti esseri viventi e che comunicano attraverso le foglie e le radici e oggi noi ne abbiamo sentito il suono».  

La raccolta dei tappi di sughero

Altro prezioso messaggio, poi, quello legato all’importanza alle querce da sughero e alla sostenibilità ambientale, attraverso l’iniziativa ideata da “Amorim Cork Italia”. «Questa mattina – ha spiegato ancora Saveria Sesto – abbiamo anche voluto dimostrare, piantando le querce che da qui ai prossimi 40 anni produrranno corteccia e che noi potremo utilizzare per la produzione di tappi per le bottiglie di vino e degli spumanti». «Tappi che tuttora – spiega – dopo l’uso vengono gettati in discarica. È però materiale pregiatissimo che noi, attraverso questo progetto etico, possiamo riutilizzare dopo averlo gettato in queste scatole che poi forniremo anche alle scuole. Vera e propria materia prima il cui ricavato potrà essere riutilizzato». (redazione@corrierecal.it)

L’intervista:

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb