Ultimo aggiornamento alle 15:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso sacal

La Cgil: «Le parole di Occhiuto pesanti come pietre, De Metrio si dimetta subito»

Sposato, Costantino e Scalese: «Dal governatore considerazioni coincidenti con le nostre denunce, ora si vada fino in fondo»

Pubblicato il: 25/11/2021 – 10:09
La Cgil: «Le parole di Occhiuto pesanti come pietre, De Metrio si dimetta subito»

LAMEZIA TERME «Le parole pronunciate dal presidente della Regione Occhiuto sulla Sacal sono pesanti come pietre, squarciano ancora di più le torbide ombre che si agitano attorno alla Società di gestione aeroportuale calabrese e lasciano intravedere scenari che la Procura nel tempo dovrà decifrare». Lo affermano il segretario generale della Cgil Calabria, Angelo Sposato, il segretario generale della Filt Cgil, Nino Costantino, e il segretario generale della Cgil Area Vasta Enzo Scalese, «La Cgil e la Filt-Cgil Calabria, in coerenza con il lavoro svolto e le denunce pubbliche di questi mesi, sostengono la chiara e inequivocabile scelta di Roberto Occhiuto perché – aggiungono Sposato, Costantino e Scalese – oggi è necessario ricostruire un percorso di trasparenza e il rafforzamento democratico di una società che deve svolgere un importante servizio pubblico. Ribadiamo, dunque, la nostra proposta di revoca della concessione con contestuale nomina di un commissario per il tempo sufficiente per un nuovo bando di gara garantendo, come garantito dallo stesso ministro Giovannini, l’occupazione di tutti i lavoratori. Anche il giudizio del presidente Occhiuto sulla mancanza di fiducia nel management aziendale a cominciare dal presidente del CdA De Metrio è perfettamente coincidente con le nostre denunce dei mesi e delle settimane passate. E’ necessario, quindi, che il presidente Giulio De Metrio rassegni prima possibile le dimissioni per consentire una più agevole e pubblica ricostruzione democratica della società. Gli aeroporti calabresi – aggiungono i dirigenti della Cgil Calabria – sono infrastrutture fondamentali per la mobilità, per lo sviluppo economico e turistico della Calabria e non possono essere gestiti con sufficienza, con piglio padronale e in disprezzo dei diritti delle persone che lavorano, degli stagionali e dei cittadini. La Filt-Cgil è stata costretta a rivolgersi al giudice del lavoro già in passato per ottenere il Piano industriale che non può essere nascosto e negato a chi ne ha diritto e che, come noi, svolge la delicata funzione di rappresentanza del lavoro. Anche per questo diffidiamo la società a non compiere nelle prossime ore atti discriminatori e sbagliati come possono essere nuove esternalizzazioni di servizi aeroportuali alla stregua di quanto avvenuto fra luglio e agosto. Qualsiasi attività lavorativa – conclusono Sposato, Costantino e Scalese – deve essere garantita dai lavoratori della Sacal spa e Sacal gh, oltre che dagli stagionali che dovranno essere rioccupati per la stagione invernale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb