Ultimo aggiornamento alle 23:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

dal nazionale

Bollette, impennate fino a mille euro: dal governo un tesoretto d’emergenza

Nella legge di bilancio un innesto di 900 milioni, risparmiati con la riforma fiscale, per calmierare i prezzi

Pubblicato il: 01/12/2021 – 12:27
Bollette, impennate fino a mille euro: dal governo un tesoretto d’emergenza

ROMA Pronto un nuovo intervento sul caro bollette – indotto dall’aumento dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale – da parte del Governo in vista dell’impennata dei costi che si avrà nel 2022. L’obiettivo è proprio quello di ammortizzare la “mazzata” sulla spesa di luce e gas per le fasce di popolazione più deboli.
Lo scorso 30 novembre si è registrato un nuovo incontro a Palazzo Chigi tra il premier e alcune delle forze di maggioranza, che hanno rilanciato la richiesta di alimentare il fondo per tagliare i rincari dell’energia. Da parte di Draghi, come riporta il Sole 24 Ore, ci sarebbe la disponibilità a incrementare lo stanziamento di due miliardi già previsto dalla legge di Bilancio e il nuovo “tesoretto” destinato a calmierare i prezzi dovrebbe aggirarsi attorno a 900 milioni di euro grazie al “risparmio” che si otterrà nel 2022 dalla riforma fiscale.

Aumento record dell’inflazione, caro-vita sale di oltre mille euro

Cifra considerevole, ma che solo in piccola parte potrebbe bilanciare l’impennata dei prezzi stimati per i servizi. Secondo le rilevazioni Istat di novembre, l’inflazione accelera ancora e sale di un altro 0,7% rispetto a ottobre arrivando a +3,8 (dal +3,2 stimato un mese fa). A livello europeo va anche peggio visto che l’inflazione annuale dell’Eurozona passa dal 4,1 di ottobre al 4,9, segnando in questo caso il record assoluto da vent’anni a questa parte, ovvero dall’inizio delle serie statistiche.
Per le famiglie si prospetta una mazzata da oltre mille euro, quindi l’emergenza del caro-bollette a cui mettere presto di nuovo mano è una priorità. Per il presidente dell’Unione nazionale consumatori Massimo Dona, per una coppia con due figli l’aumento del costo della vita su base annua sarà pari a 1.346 euro, 524 solo per abitazione, acqua ed elettricità e 567 euro per i trasporti, mentre in media per una famiglia il rialzo complessivo è di 1.043 euro (493 per la casa e 363 per i trasporti).
Il ministro dello Sviluppo Giancarlo Giorgetti, riporta la Stampa, è preoccupato soprattutto per «l’impatto sulle imprese». Il motivo sarebbe legato al rischio di blocco dell’attività economica in alcuni settori.
Problematiche toccate anche dal ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani: «Stiamo pagando un errore iniziale di un Paese che non ha energy mix giusto, che ha deciso di importare tutto, invece di produrre. In sei mesi la risoluzione di un problema che ha venti anni e che è passato su scelte sbagliate richiede più tempo, meno contestazione e più collaborazione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x