Ultimo aggiornamento alle 23:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il provvedimento

“Il fatto non sussiste”, noto imprenditore assolto dall’accusa di estorsione

Decisione del Tribunale di Castrovillari. La procura aveva chiesto una condanna a 5 anni

Pubblicato il: 19/12/2021 – 10:15
“Il fatto non sussiste”, noto imprenditore assolto dall’accusa di estorsione

CASTROVILLARI “In accoglimento delle tesi difensive dell’avvocato Francesco Nicoletti, il Tribunale di Castrovillari in composizione collegiale ha assolto, con la formula perché il fatto non sussiste, il noto imprenditore locale T.M. dalla gravissima imputazione di estorsione, di cui era accusato in concorso con un altro soggetto residente a Cirò”. Lo riferisce una nota. La Procura della Repubblica in sede di requisitoria aveva avanzato richiesta di condanna a 5 anni di reclusione.

Le accuse

“Secondo il teorema accusatorio – prosegue la nota – i due imputati, in concorso tra loro e in tempi diversi, avrebbero evitato di pagare alcuni lavori mediante minacce sia di morte sia relative al furto e al successivo ritrovamento di un natante. Vittime di tale estorsione sarebbero stati due fratelli, anche loro noti imprenditori di Mirto Crosia, di cui uno costituitosi parte civile nel processo penale al fine di chiedere la condanna di entrambi gli imputati ed un importante risarcimento del danno”.

La denuncia

“Lunga e dettagliata – aggiunge la nota – la denuncia presentata dai due fratelli, i quali riferivano di come gli imputati avessero commissionato dei lavori in ferro da consegnare in quel di Cirò Superiore che, una volta effettuati, non venivano retribuiti. Nello specifico, per come raccontato, gli imputati, dichiaratisi appartenenti ad ambienti malavitosi, avrebbero ordinato ai due imprenditori di desistere da richieste di pagamenti. Vari gli ulteriori episodi denunciati, tra cui il ritrovamento sulla spiaggia di una imbarcazione precedentemente lasciata in una zona custodita del porto di Cariati. In quell’occasione, uno dei due imputati avrebbe testualmente affermato: ‘adesso la barca l’hai trovata, la prossima volta non la trovi più’. Continuando nella denuncia i due fratelli evidenziavano quello che a loro dire sarebbe stato l’episodio più grave di minaccia verificatosi in Germania ai danni di un loro congiunto titolare di una pizzeria. Quest’ultimo aveva ricevuto una telefonata sull’utenza fissa da parte di un italiano che, con un accento della zona di Cirò, lo invitava ad uscire dal locale per ritirare un pacco. Fuori vi era un’autovettura con a bordo due persone: una scese dalla macchina e lo colpì al capo con un bastone, mentre l’altra impugnava una pistola. Tornato all’interno della pizzeria dopo l’aggressione, il malcapitato aveva ricevuto un’ulteriore telefonata nel corso della quale un soggetto gli riferiva testualmente in dialetto cirotano: ‘questo è per tuo padre e per tuo zio….glielo hai detto a tuo padre? Se no andiamo noi a dirglielo’”.

Il processo

Il procedimento scaturito dalla denuncia, che aveva dato il via all’attività investigativa, è sfociato nel processo penale dinanzi al Tribunale di Castrovillari in composizione collegiale. Durante l’istruttoria dibattimentale sono state escusse le testimonianze di tutti i testi indicati dalla Procura, dalla parte civile costituita e dalla difesa. “Le parti offese – conclude la nota – hanno ripercorso i vari momenti e le varie dinamiche relative agli episodi denunciati, mentre altri testi hanno confermato le minacce poste in essere dall’imputato T.M. L’escussione di un Ispettore Superiore della Polizia di Stato è stata incentrata su una nota redatta dalla Prima Sezione Squadra Mobile di Crotone, Sezione Criminalità Organizzata e Catturandi, nonché sulla personalità di uno dei due imputati, descritto come elemento sodale alla cosca Farao Marincola che per diverso tempo si sarebbe associato ad un capo della stessa cosca poi rimasto ucciso in un agguato. In sede di requisitoria il Pubblico Ministero ha chiesto la condanna alla pena di anni 5 di reclusione per ognuno degli imputati. Richiesta alla quale si è associata la parte civile insistendo nella condanna penale e nel riconoscimento di un congruo risarcimento del danno. Il Tribunale di Castrovillari in composizione collegiale, in totale accoglimento delle richieste avanzate dalla difesa, ha assolto entrambi gli imputati con la formula perché il fatto non sussiste”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x