Ultimo aggiornamento alle 20:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Roghi, rifiuti e rischio focolai. L’eterna emergenza della tendopoli di San Ferdinando

«Condizioni igienico-sanitario non degne di un Paese civile». Il sindaco: «Ricordati solo per la tendopoli e non per le possibilità date ai lavoratori»

Pubblicato il: 03/01/2022 – 8:11
Roghi, rifiuti e rischio focolai. L’eterna emergenza della tendopoli di San Ferdinando

REGGIO CALABRIA Cumuli di rifiuti ai lati della tendopoli, fino ad otto migranti stipati in una tenda e il rischio altissimo e concreto dello scoppio di un focolaio. Dopo l’incendio, fortunatamente senza conseguenze, nella notte di Capodanno, a San Ferdinando si accendono nuovamente i riflettori sullo stato emergenziale in cui vivono decine di lavoratori immigrati. «Molti lavoratori sono sottoposti alla vaccinazione, ma le condizioni igienico-sanitario non sono degne di un Paese civile», dice un sindacalista dell’Usb in collegamento con Buongiorno Regione. «Impensabile poter tracciare il virus in queste condizioni – continua – ed è tafazziano consentire ad alcune persone di restare senza documenti». «Sono liberi e vanno dove vogliono e questo non è bello», confessano alcuni cittadini preoccupati.

La solidarietà non basta

Nell’elenco degli undici comuni nel reggino finiti in zona arancione su ordinanza firmata dal presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto (leggi qui), non figura San Ferdinando. Il sindaco Andrea Tripodi si dice preoccupato per «l’assenza di una strategia nazionale e regionale, nonostante l’impegno profuso e superiore alle nostre possibilità». Per il primo cittadino, «San Ferdinando deve essere ricordata non per la Tendopoli ma per le possibilità date ai lavoratori immigrati. Abbiamo avanzato delle proposte ma sono state disattese e ancora oggi siamo in assenza di una strategia risolutiva». E sull’impegno delle istituzioni: «E’ inumano che il problema relativo ai migranti venga affrontato sempre e solo in maniera emergenziale». Sull’impegno della Regione, «ad oggi non è stato nominato un assessore di riferimento, abbiamo firmato un protocollo e ci aspettiamo che venga rispettato».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x