Ultimo aggiornamento alle 23:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’iniziativa

Lucano apre le porte di Riace ai cittadini ucraini: «Vogliamo dare il nostro contributo»

L’ex sindaco sui propri social: «L’odio, le armi e la guerra lasciano solo macerie. Devolvere ai profughi i fondi raccolti per il mio processo»

Pubblicato il: 02/03/2022 – 13:22
Lucano apre le porte di Riace ai cittadini ucraini: «Vogliamo dare il nostro contributo»

RIACE «Sono giorni drammatici per la nostra vita. L’odio, le armi, la guerra, lasciano solo macerie, distruzioni, vittime innocenti, morte ed umanità in fuga verso un sogno di liberazione». Lo scrive, in un post su facebook, Mimmo Lucano facendo riferimento alla guerra in Ucraina ed alla fuga dal Paese di migliaia di persone, nei confronti delle quali l’ex sindaco di Riace mette a disposizione le case che quando era primo cittadino venivano utilizzate dai migranti.
«Tutto oggi – aggiunge Lucano – sembra impossibile, inutile, superfluo. Ci rimane solo la tristezza. Ma noi non ci rassegniamo e intendiamo dare il nostro contributo».
Le case di Riace cui fa riferimento Lucano, che potrebbero ospitare una cinquantina di persone, sono nella disponibilità dell’associazione “Città futura”, fondata dall’ex sindaco.
«Dice un mio amico, l’ex vescovo di Locri Giancarlo Maria Bregantini – scrive ancora Mimmo Lucano – che “il male è veramente tale quando ci fa perdere il sorriso”. Ma noi quel sorriso ce l’abbiamo ancora. Siamo aggrappati, riguardo la situazione in Ucraina, alla speranza di notizie positive e di messaggi di pace, che però ancora non arrivano».

«I soldi per la mia raccolta fondi per i profughi dell’Est»

L’ex sindaco di Riace propone di assegnare ai profughi dell’Ucraina i fondi raccolti in suo favore per pagare la sanzione pecuniaria per quasi un milione di euro comminatagli a conclusione del processo di primo grado scaturito dall’inchiesta della Procura della Repubblica di Locri sull’utilizzo dei fondi ministeriali per l’accoglienza e la gestione dei migranti nel centro del Reggino.
La pena detentiva alla quale il Tribunale di Locri (presidente Fulvio Accurso) ha condannato Lucano é stata a 13 anni e 2 mesi di reclusione, quasi il doppio rispetto alla richiesta della pubblica accusa, che era stata di 7 anni e 11 mesi. L’ex sindaco di Riace è stato riconosciuto colpevole di vari reati, dall’associazione per delinquere, alla truffa ed al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
«Chiedo – scrive Lucano nel post su Facebook con cui ha aperto le “porte” di Riace ai profughi ucraini – che la raccolta fondi promossa da Luigi Manconi e dall’associazione umanitaria “A buon diritto”, a cui esprimo un forte senso di gratitudine, venga utilizzata per l’accoglienza dei profughi ucraini e di quelli di qualsiasi etnia che sono in fuga dagli orrori della guerra in qualunque parte del mondo».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x