Ultimo aggiornamento alle 15:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la conferenza

Ucraina, il piano della Regione per i rifugiati. Occhiuto: «Pronti 4 milioni per le abitazioni e 1,2 per le spese» – VIDEO

Il governatore: «In attesa del governo attingeremo a fondi Por». «Di fronte all’assurdità della guerra non si può svolgere solo il ruolo di commentare»

Pubblicato il: 05/03/2022 – 13:29
Ucraina, il piano della Regione per i rifugiati. Occhiuto: «Pronti 4 milioni per le abitazioni e 1,2 per le spese» – VIDEO

CATANZARO «Abbiamo appena fatto due delibere: una che dà la possibilità ai Comuni di accedere a fondi per la rifunzionalizzazione di abitazioni da destinare all’accoglienza di quanti stanno scappando dalla guerra; un’altra che dà la possibilità alla Protezione Civile e ai Comuni anche di far fronte alle primissime spese, sempre per l’accoglienza». I fondi in questione vengono presi dai finanziamenti del Por. «Come sempre la Calabria riesce a spendere in maniera veloce e produttiva 4 milioni per la rifunzionalizzazione delle abitazioni e 1,2 milioni per le prime spese». A dirlo è il governatore della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, nell’incontro tenuto nella mattinata di questo 5 marzo in Cittadella alla presenza di tutti i componenti dell’esecutivo regionale. La crisi ucraina è stato il tema principale del dibattito dove è stata colta l’occasione anche per tornare sui temi dei fondi Fsc non spesi e della “riconquista” della maggioranza pubblica in Sacal che hanno animato la giornata di ieri. «È un modo – ha continuato Occhiuto – per dimostrare come la Calabria riesca ad essere solidale verso chi ha bisogno, soprattutto verso chi scappa dalla guerra e fino a una settimana fa vivevano come noi, come tutti i cittadini europei, e vogliono continuare a vivere conservando la loro libertà».

I flussi attesi in Calabria

Sebbene in prima istanza venga palesata la decisione di attingere ai fondi Por, aggiunge Occhiuto, qualora «il governo, come ci auguriamo, dovesse rendere disponibili risorse specifiche per queste attività utilizzeremo quelle». In questi giorni sono state già tre le riunioni svolte tra presidenti di Regione, delegati governativi e di ProCiv. «Ci si aspettano flussi consistenti per tutta l’Europa e anche per il nostro Paese». Occhiuto afferma poi di aver sentito ieri il console ucraino: «Mi ha confermato che la Calabria, dopo la Campania, è la regione che ha le più numerose presenze di ucraini allo stato quindi iniziative del genere vanno anche nella direzione di favorire il ricongiungimento familiare».
Molti i messaggi e le chiamate ricevute in questi giorni dal governatore per conto della comunità ucraina. «C’è grande preoccupazione per i parenti che stanno lì in Ucraina e grande attesa per la solidarietà operosa che dovrebbe arrivare dall’Italia, anche dalla nostra regione».

«Di fronte alla guerra non possiamo solo commentare»

«Di fronte all’assurdità di una guerra – continua il governatore – non si può svolgere solo il ruolo di commentare. Bisogna fare ciò che è nella propria possibilità per intervenire laddove si può, magari proprio sull’accoglienza di persone che rischiano di perdere quello che hanno costruito nel corso degli anni». Inoltre Occhiuto sottolinea come «nella nostra regione» siano «tantissimi i sindaci che hanno espresso la volontà di accogliere». Tantissime anche le iniziative di volontariato spontanee «che però vanno coordinate». Attività che è stata demandata dalla Regione alla Protezione Civile. «È importante che ciò che si raccoglie vada veramente a chi ne ha bisogno». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x