Ultimo aggiornamento alle 15:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

le frizioni

Crotone, si spacca il gruppo di “Tesoro Calabria”. Voce contestato dai “suoi” consiglieri

Alcuni degli eletti valutano la possibilità di passare in un altro gruppo. Ma senza lasciare i banchi della maggioranza

Pubblicato il: 09/03/2022 – 17:53
di Gaetano Megna
Crotone, si spacca il gruppo di “Tesoro Calabria”. Voce contestato dai “suoi” consiglieri

CROTONE Potrebbe svuotarsi il gruppo consiliare di Tesoro Calabria al Comune di Crotone. Molti dei consiglieri eletti in questa lista stanno riflettendo sull’opportunità di transitare in un nuovo gruppo, magari senza lasciare i banchi della maggioranza. Non c’è più feeling tra alcuni consiglieri, il sindaco e il leader regionale di Tesoro Calabria, Carlo Tansi. I rapporti sono diventati difficili quando i consiglieri comunali Anna Cantafora, Vincenzo Familiari e Salvatore Riga hanno diffuso una nota stampa prendendo le distanze dalla candidatura di Voce alla carica di presidente della Provincia di Crotone. Voce si è candidato lo stesso ed è stato sconfitto da Sergio Ferrari.
Contro la critica espressa dai tre consiglieri comunali di maggioranza, in quella circostanza, c’era stata la dura reazione di Voce e di Tansi. L’intervento pubblico di Voce e Tansi, però, non ha avuto il gradimento anche di altri consiglieri comunali del gruppo Tesoro Calabria. In seguito alle contestazioni di Voce e Tansi, Riga ha deciso di uscire immediatamente dal gruppo e i mal di pancia sono continuati per Cantafora e Familiari a cui si sono anche aggiunti Nicola Corigliano e in parte Ginetta Talarico, che non ha una posizione tranciante.
Fedele al gruppo consiliare uscito dalle urne sono rimasti Domenico Loguarro e il presidente del consiglio comunale, Giovanni Greco. I “malpancisti” hanno organizzato una serie di riunioni per valutare se lasciare il gruppo di Tesoro Calabria e dare vita ad un nuovo gruppo consiliare. Al momento non è stata presa una decisione definitiva, anche se l’idea di costituire un nuovo gruppo non viene considerata peregrina.
I consiglieri vorrebbero individuare un percorso per dimostrare tutto il loro dissenso nei confronti di Voce e Tansi, ma senza mettere in discussione il “progetto politico” che li ha spinti a candidarsi per amministrare la città pitagorica. Anche nell’ultima seduta del consiglio comunale è emerso il malumore che caratterizza gli attuali rapporti tra il sindaco e la maggior parte dei consiglieri del gruppo Tesoro Calabria. Corigliano si è, infatti, dimesso da capogruppo in netto contrasto con le scelte fatte da Voce nella rimodulazione del suo esecutivo. Il capogruppo dimissionario, infatti, non ha condiviso nessuna delle scelte fatte da Voce nella rimodulazione della Giunta. Quando Voce ha replicato duramente accusando i consiglieri di non condividere le scelte perché magari avrebbero voluto essere nominati assessori, Corigliano lo ha interrotto e ha contestato quello che stava dicendo. I rapporti non sono buoni e solo un filo sottile impedisce ad alcuni consiglieri di saltare addirittura tra i banchi dell’opposizione. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x