Ultimo aggiornamento alle 13:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’incontro

Minoranze linguistiche calabresi, presentato il materiale custodito dall’archivio regionale

Iniziativa a Palazzo Campanella con la collaborazione del Corecom. Priolo: «Tutelare vuol dire conservare»

Pubblicato il: 10/03/2022 – 15:54
Minoranze linguistiche calabresi, presentato il materiale custodito dall’archivio regionale

REGGIO CALABRIA Si è svolto, al Polo culturale “Mattia Preti”, l’incontro “Storie diverse, di comunità e identità. Le minoranze linguistiche della Calabria nei documenti audiovisivi di archivio” dedicato alle minoranze linguistiche calabresi. L’incontro è stato organizzato in collaborazione col Corecom rappresentato dal dirigente Priolo che all’inizio ha plaudito all’iniziativa che funge da applicazione dell’apposito articolo della legge regionale calabrese che mira a «tutelare e valorizzare le minoranze» sul territorio. Nell’occasione, grazie anche agli autorevoli interventi dei diversi relatori, è stata ripercorsa la storia di quasi quarant’anni di testimonianze sul territorio che si traducono in un archivio composto da 200 files provenienti dalla documentazione dell’archivio televisivo della Cooperativa “Raffaele Lombardi Satriani”. I materiali si compongono di filmati per oltre 4mila minuti che integrano sia servizi video-giornalistici sia documentari già editi, ma anche materiale inedito, che rappresenta la parte più consistente.
A portare i saluti della presidenza del consiglio e della giunta regionale è il capo gabinetto Carmelo Nucera, che ha sottolineato come l’assemblea legislativa «sosterrà tutte le iniziative sul tema che verranno realizzate sul territorio regionale. Questo può giovare anche all’economia e al settore turistico regionale».
I lavori sono stati aperti invece da Maria Stefania Lauria, segretario generale del consiglio regionale e appunto Maurizio Priolo per il Corecom. «Questo è un momento particolarmente importante. – ha detto Lauria – Speriamo che questo evento rappresenti un momento diffusivo delle iniziative di questo polo, ma anche il momento di riavvio della frequentazione di questo Polo» compressa per le restrizioni Covid. Dal canto suo, Priolo ha sottolineato come ci siano «pregevoli contributi di lingua parlata» che valorizzano l’identità e la storia delle minoranze linguistiche sul territorio che nel mezzo televisivo trovano la loro espressione. «Tutelare vuol dire conservare e il fatto di conservare ha un valore pubblico in sé». Dopodiché «c’è anche la valorizzazione utile a rendere più fruibile questo patrimonio culturale». Nelle circa tre ore successive è stata presentata parte della documentazione audiovisiva sulle minoranze linguistiche calabresi da parte della Cooperativa Raffaele Lombardi Satriani quindi da Demetrio Crucitti, già Direttore della sede regionale Rai; Maria Luisa Lagani, dirigente dell’Istituto scolastico “G. Sabatini” di Borgia, designato dal Miur Scuola capofila delle rete nazionale per l’insegnamento delle lingue minoritarie; di Serena Notaro per la minoranza arbëreshe; di Lucia Nucera per la minoranza greca di Calabria; e di Fiorenzo Tundis per la minoranza occitana-guardiola. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x