Ultimo aggiornamento alle 23:15
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

colpo alla Sicurtransport

Rapina da 8 milioni di euro, diventano definitive sei condanne

La Cassazione ha rigettato i ricorsi delle difese. Annullata con rinvio la sentenza riguardo all’aggravante mafiosa esclusa in Appello

Pubblicato il: 31/03/2022 – 16:39
di Alessia Truzzolillo
Rapina da 8 milioni di euro, diventano definitive sei condanne

ROMA Diventano definitive le condanne per sei persone accusate del colpo da 8 milioni di euro avvenuto al caveau della Sicurtransport a Caraffa nel dicembre 2016. La Corte di Cassazione ha, infatti, rigettato i ricorsi presentati da Giovanni Passalacqua (condannato a 10 anni di reclusione); Dante Mannolo – non il collaboratore di giustizia ma un cugino di secondo grado – (10 anni), Carmine Fratepietro (10 anni e 8 mesi); Matteo Ladogana (10 anni e 8 mesi); Leonardo Passalacqua (10 anni e 8 mesi); Alessandro Morra (12 anni). Non solo. Oltre a confermare l’accusa espressa nel secondo grado di giudizio, la Suprema Corte ha accolto il ricorso del Procuratore generale e ha annullato con rinvio la sentenza nei confronti di Giovanni Passalacqua e Dante Mannolo per quanto riguarda l’aggravante mafiosa che era stata esclusa nella decisione dei giudici dell’appello. Sul punto dovrà esprimersi, con un nuovo giudizio, una nuova sezione della Corte d’Appello di Catanzaro. Infatti, l’ideatore della rapina, secondo i magistrati antimafia di Catanzaro, sarebbe stato Giovanni Passalacqua, di origine rom, membro della criminalità di Catanzaro. Prima di attuare il piano, Passalacqua avrebbe ottenuto il placet delle cosche crotonesi, tramite Dante Mannolo, in cambio di una parte del denaro.
La Corte di Cassazione, inoltre, ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato dalla parte civile Sicurtransport spa la quale chiedeva la condanna di Pasquale Pazienza, di Bitonto, difeso dall’avvocato Aldo Casalinuovo. Per Pazienza, assolto in appello, il sostituto procuratore generale – applicato al ruolo è stato il pm Paolo Sirleo – non aveva ritenuto di presentare ricorso. (a.truzzolillo@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x