Ultimo aggiornamento alle 23:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il provvedimento

Frode fiscale a Catanzaro, sequestrati 100mila euro al titolare di una residenziale per anziani

Deferiti anche i legali rappresentanti delle società che hanno emesso fatture false. Costi fittizi per un importo di oltre 385mila euro

Pubblicato il: 12/04/2022 – 8:45
Frode fiscale a Catanzaro, sequestrati 100mila euro al titolare di una residenziale per anziani

CATANZARO I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, in esecuzione di un decreto emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catanzaro, hanno sequestrato oltre 100.000 euro, pari all’imposta evasa, nei confronti di un’associazione esercente l’attività di assistenza residenziale per anziani e disabili in provincia di Catanzaro, il cui legale rappresentante è indagato per frode fiscale.
Il provvedimento cautelare giunge all’esito di una verifica condotta dai militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Catanzaro nei confronti del soggetto economico colpito dal sequestro, che ha permesso di individuare condotte illecite attuate mediante l’emissione e l’utilizzo di numerose fatture per operazioni inesistenti, finalizzate ad evadere l’Imposta sul Reddito delle Società (cd. Ires) nei periodi d’imposta dal 2014 al 2017.
I costi fittizi sono stati documentati con fatture per consulenze fiscali ed amministrative ritenute oggettivamente inesistenti, emesse da due società strettamente riconducibili all’associazione ispezionata, per un importo di oltre 385.000 euro, con conseguente abbattimento del reddito soggetto a imposizione.
Sono stati, pertanto, deferiti all’Autorità Giudiziaria di Catanzaro il legale rappresentante dell’associazione per il reato di “Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti” e i legali rappresentanti delle società emittenti le false fatture per il reato di “Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti”.
Il procedimento pende nella fase delle indagini preliminari.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x