Ultimo aggiornamento alle 1:55
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’intervista

“Neet Working Tour”, Dadone a Cosenza: «I giovani non rimangano immobili» – VIDEO

Il ministro per le Politiche giovanili: «Il Pnrr rilancerà i centri per l’impiego. Facciamo incontrare domanda e offerta. Puntiamo sull’orientamento»

Pubblicato il: 17/05/2022 – 18:09
di Fabio Benincasa
“Neet Working Tour”, Dadone a Cosenza: «I giovani non rimangano immobili» – VIDEO

COSENZA Il ministro per le politiche giovanili, Fabiana Dadone, a Cosenza per partecipare al “Neet Working Tour”, l’iniziativa promossa dal ministero per le Politiche giovanili, in collaborazione con l’Agenzia nazionale per i Giovani, l’Agenzia nazionale per le Politiche attive del lavoro e la Carta Giovani Nazionale. La campagna informativa itinerante rivolta ai Neet, giovani inattivi di età compresa tra i 14 e i 35 anni, che non studiano, non lavorano e non fanno formazione, ha fatto tappa in Piazza dei Bruzi, con il truck parcheggiato nel piazzale antistante la sede del municipio. Cosenza è stata inserita tra le tappe del viaggio partito da Torino e che si concluderà il 23 maggio a Palermo.

Importante parlare ai giovani

«E’ importante tornare a parlare di lavoro in piazza, far incontrare domanda e offerta e dialogare con i ragazzi magari inserendo dei momenti più leggeri come la musica», dice il ministro Dadone. Che aggiunge: «I nuovi lavori sono spesso sconosciuti ma potrebbero dare opportunità ai ragazzi. Penso ad esempio ai settori agricoltura o marittimo e ancora all’ artigianato. Poi per quanto riguarda la formazione penso all’erasmus plus o al servizio civile universale che come ministero ci vede impegnati». Un dato però è evidente e incontrovertibile, ci sono 3 milioni di neet in Italia. «E’ vero – dice il ministro – il dato è allarmante ma dobbiamo spiegare ai giovani cosa sono i centri per l’impiego, cosa possono offrire le aziende. Devono capire cosa vogliono fare, se un corso professionalizzante o universitario, ma non rimangano immobili».

I contesti familiari e territoriali

Necessario in un’analisi sulle dinamiche lavorative giovanili non dimenticare i contesti, spesso difficile, nei quali i neet crescono. Famiglie non in grado di supportarli nella scelta più giusta, nel percorso decisivo per la carriera o territori dove diventa assai complicato rimanere e trovare uno sbocco lavorativo. «Molti ragazzi – sottolinea ancora Dadone – non hanno alle spalle una famiglia pronti a sostenerli o vivono in contesti territoriali difficili, ecco perché lavoriamo insieme agli enti locali e monitoriamo la loro situazione». A questo va aggiunto il supporto fornito dalle risorse del Pnrr. «I fondi serviranno anche a rilanciare i centri per l’impiego che non funziona come dovrebbero. Nella manovra di bilancio ci sono fondi specifici dedicati ai giovani con un canale preferenziale aperto agli under 35».

Il servizio

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x