Ultimo aggiornamento alle 23:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il progetto

Il “bisogno” di olio e gli investimenti per aumentare la produzione – VIDEO

A Cessaniti la storia di Basilio Mazzitelli, protagoniste le aree marginali e la cultivar Ciciarello

Pubblicato il: 07/06/2022 – 16:04
Il “bisogno” di olio e gli investimenti per aumentare la produzione – VIDEO

CESSANITI Nella campagna olearia 2021-2022 l’Italia è tornata al secondo secondo gradino  nella produzione di olio, al primo posto e regina indiscussa la Spagna con una quantità che raggiunge le 1,3 milioni di tonnellate. 
Il nostro Paese registra una crescita di circa il 15% arrivando a poco più di 300mila tonnellate; un dato positivo ma purtroppo molto lontano dalle 674mila tonnellate della campagna olearia 1991-1992.
Percorso inverso, invece,  per la Tunisia che solo nell’ultimo anno ha centrato  un aumento produttivo del 71,4%, analoga situazione per l’Algeria con un +39%.
Se si utilizzano  come parametri, e in combinato disposto, il calo della  produzione italiana e l’aumento esponenziale di Paesi olivicoli emergenti ben si comprende come cullarsi sugli allori “conditi” solo dal ragionamento sulla qualità non porti lontano.
Il bisogno pressante, dunque, riguarda l’organizzazione e la configurazione di una filiera che consolidi la propria vocazione ed aggiunga possibilità produttive, c’è bisogno dunque di nuovi uliveti e di interventi “manutentivi” su quelli esistenti.

Va in questo senso, ad esempio, il provvedimento contenuto nella Legge di bilancio 2021 e che ha garantito  30 milioni di euro per il sostegno e lo sviluppo della filiera olivicola- olearia, a favore di interventi di ammodernamento o investimento in nuovi impianti.
Se il provvedimento citato rientra in una strategia nazionale (pur con pochi fondi) conforta il dato che a livello territoriale ci siano enti in grado di garantire sostegni per interventi piccoli nelle dimensioni ma significativi per tre ordini di motivi: l’utilizzo di cultivar autoctone, il recupero di aree marginali, la possibilità di investimento per i giovani.

Basilio Mazzitelli

Tre ordini di motivi tutti ricompresi nell’iniziativa avviata, con il sostegno del Gal Terre Vibonesi, da Basilio Mazzitelli a Cessaniti, in questo caso la cultivar è la Ciciarello, l’area marginale completamente recuperata ad un utilizzo produttivo.  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x