Ultimo aggiornamento alle 22:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il dibattito

Ambiente e sviluppo del Sud, Guarascio presiede vertice di Confindustria

Il vicepresidente nazionale della categoria dell’associazione sostiene che «la Calabria può riscattarsi partendo da un imponente cambio di mentalità»

Pubblicato il: 02/07/2022 – 16:03
Ambiente e sviluppo del Sud, Guarascio presiede vertice di Confindustria

«Come vicepresidente nazionale di Confindustria Cisaambiente con deleghe specifiche al mare e al Sud ho presieduto nei giorni scorsi a Roma una riunione specifica». Così Eugenio Guarascio, vicepresidente nazionale di Confindustria Cisaambiente. «Le tematiche ambientali – sostiene Guarascio – rappresentano infatti un tema decisivo per il futuro dell’Italia e del sud in generale e della Calabria in particolare che sconta, come è noto, deficit in vari campi tutti connessi ad un mancato sviluppo (quello delle infrastrutture è forse il più evidente e cito solo questo ). Sull’ambiente il nostro Paese si sta misurando per vincere la sfida del futuro. Da imprenditore del Sud, che ha scelto di insediare in Calabria la propria attività imprenditoriale, la delega al Mezzogiorno è dunque un ulteriore motivo di impegno: il riequilibrio territoriale, il superamento delle diseguaglianze economiche, sociali e logistiche costituisce un obiettivo da raggiungere nell’immediato futuro e per il quale tutti siamo chiamati a fare e dare di più, a partire dalle istituzioni, dalla politica e dalle articolazioni economiche nazionali e locali. La Calabria io credo che dalle proprie fragilità può riscattarsi, attivando le leve della modernità e del pieno sviluppo di tutte le sue potenzialità. Il mare in tal senso è un grande vettore di economia e benessere collettivo. E’ però urgente e necessario – conclude Guarascio – un imponente cambio di mentalità delle amministrazioni pubbliche finalizzato a contrastare ogni forma di illegalità e violazione ambientale, ad attrezzare di servizi le aree più emarginate e trasformare questo enorme patrimonio ambientale in un’industria a tutti gli effetti, così come accade in tante aree del nostro paese. La Calabria assomma un patrimonio marino ma anche montano (l’altopiano della Sila è in tale direzione un esempio di bellezza e particolarità senza eguali) che può e deve fornire linfa a quell’idea di sviluppo sostenibile per la quale Confindustria si batte».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x