Ultimo aggiornamento alle 19:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

caos sanità

Covid, un’altra notte infernale al pronto soccorso del “Giannettasio” di Corigliano Rossano

Positivi, carenza di personale, lavori, stanno facendo collassare il reparto che serve tutta la Sibaritide. In città 3mila casi nelle ultime settimane

Pubblicato il: 18/07/2022 – 11:52
di Luca Latella
Covid, un’altra notte infernale al pronto soccorso del “Giannettasio” di Corigliano Rossano

CORIGLIANO ROSSANO Un’altra notte infernale al pronto soccorso dell’ospedale “Giannettasio” di Corigliano Rossano. Non bastasse l’atavica carenza di personale che penalizza fortemente il servizio sanitario, anche il Covid sta complicando, e di molto, la situazione.
Questa notte hanno raggiunto il pronto soccorso molti casi positivi, qualcuno smistato altrove, altri sono stati “ricoverati” negli ambienti del reparto. Ed è capitato che un paziente affetto da problemi cardiaci, risultato positivo al tampone, sia stato accolto in quegli stessi locali. Uno dei problemi, quindi, è la promiscuità di pazienti, con diverse patologie ma positivi al virus Sars-Cov-2.
Questa mattina, frattanto, sono tornate le ambulanze in fila davanti al pronto soccorso di Rossano. E le scene sono quelle a cui si è assistito nello scorso autunno.
Ad aggravare ulteriormente la quotidianità del pronto soccorso, dei lavori iniziati oggi, con tutte le conseguenze ed i disagi del caso.
Gli infermieri del reparto di emergenza urgenza lamentano, dunque, l’impossibilità ad erogare prestazioni sanitarie in ambienti idonei, la promiscuità di quegli stessi ambienti e si chiedono, soprattutto, perché l’ala del pronto soccorso ristrutturata (al costo di 240 mila euro) proprio per ospitare degenti affetti da Covid-19, rimanga inutilizzata mentre il reparto è stracolmo tra pazienti positivi – e sono almeno quattro quelli attualmente ricoverati – e quelli “ordinari”.
Il personale infermieristico lamenta anche una «discutibile» gestione nel servizio 118. Sempre nella notte, infatti, sono giunte a Rossano ambulanze provenienti dal Cosentino. Un problema in più, giacché il solo pronto soccorso del Giannettasio smaltisce tutta l’emergenza-urgenza della Sibaritide e di un territorio compreso tra l’Alto Crotonese e l’Alto Jonio, ben oltre 220mila abitanti.
Intanto, il virus sembra avanzare inesorabilmente. Ad oggi anche il reparto Covid è occupato in tutti e 36 posti letto (che l’Asp vorrebbe portare a 56) e la città di Corigliano Rossano sta facendo registrare numeri da capogiro: ben oltre 3mila casi nelle ultime quattro settimane. (l.latella@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x