Ultimo aggiornamento alle 20:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

politiche 2022

Scontro in Rifondazione. «Gli appetiti del partito nazionale sul 17% ottenuto alle Regionali»

I calabresi: «La dirigenza ci penalizza, vogliono farsi eleggere con i nostri voti. Vada a Monica Nardi il secondo posto nel listino»

Pubblicato il: 09/08/2022 – 11:02
Scontro in Rifondazione. «Gli appetiti del partito nazionale sul 17% ottenuto alle Regionali»

CATANZARO «Lo stato attuale a cui si è pervenuti è conseguenza del venir meno della dialettica politica, evidentemente bypassata dal decisionismo centralizzato, che preferisce risolvere attraverso l’imposizione, determinando, di fatto, una situazione di conflitto, lontanissima dalla volontà e dalle intenzioni del partito calabrese, che, al contrario, ha lavorato per ricercare la soluzione più forte ed unitaria possibile». È uno dei passaggi contenuti in un documento approvato «dopo un confronto ampio e articolato» dal Comitato politico regionale del Partito della Rifondazione comunista della Calabria che contesta le scelte della dirigenza nazionale ma confida in un «recupero del rapporto di fiducia» tra centro e periferia. «Proprio in considerazione di ciò – è detto nel documento che ha ottenuto il voto favorevole del 90% dei presenti – riteniamo che le decisioni prese (ma al momento non ufficializzate) al tavolo nazionale, da parte della delegazione del partito (Acerbo, Locatelli, Forenza) dimostrino ancora una volta come il partito calabrese venga così poco considerato dal gruppo dirigente centrale, da essere ritenuto non capace di avere rappresentanti che siano espressione del proprio territorio. Evidentemente, l’abitudine di penalizzare elettoralmente i comunisti calabresi tarda a morire e, se andiamo indietro nel tempo, possiamo facilmente ricordare che l’80% degli eletti in Parlamento, in Calabria, sono stati compagni di altre regioni, calati dall’alto (e di cui nessuno ricorda niente di significativo né di propositivo nei confronti del popolo calabrese)».
«Eppure questa volta – è detto ancora nel testo – avevamo motivi validi per sperare che il rituale non si ripetesse: non è stato forse il partito calabrese, nelle Regionali del 2021, artefice della creazione del terzo polo (alternativo al centro-sinistra e alle destre), a costruire i presupposti per la creazione dell’Unione popolare di oggi?».
«Invece di riconoscere al lavoro ed al sacrificio generoso dei compagni di base – è detto ancora nel documento – il merito di aver creduto nella coalizione con De Magistris e di aver fattivamente contribuito al raggiungimento del risultato, quel quasi 17% ottenuto nella nostra regione ha scatenato gli appetiti ed è legittimo pensare che, se il risultato si fosse attestato ai livelli abituali, la Calabria non avrebbe esercitato lo stesso richiamo e nessuno sarebbe venuto, nella speranza di assistere al fenomeno della fata Morgana. La verità è che questa pratica politica, squallida ed insopportabile, parla di privilegio a danno dei militanti territoriali. Se è così, non possiamo predicare di essere migliori degli altri; anzi, siamo i peggiori, perché almeno gli altri non si presentano come i migliori. Tuttavia, non è ancora il momento di disperare, anzi vogliamo augurarci che il gruppo dirigente centrale ritrovi la lucidità per ritornare sui suoi passi, operando la scelta più seria ed opportuna nell’interesse della nostra regione e del partito».
«Riteniamo, infatti – riporta ancora il testo – che ci siano ancora i termini per recuperare un rapporto di fiducia, ristabilendo la condizione principale: che la compagna Monica Nardi venga candidata al secondo posto, nel listino proporzionale alla Camera, in ottemperanza a quanto approvato, all’unanimità dei presenti, dal Cpr del 4 agosto scorso, su proposta della Segreteria regionale, che ha puntato sulla visibilità politica, sociale e professionale della compagna e sulla sua potenzialità elettorale dimostrata alle Regionali del 2021. Qualora ciò non si verificasse, sarebbe inevitabile attribuire al Partito l’ennesima responsabilità di aver operato scelte non volute, che produrrebbero automaticamente delusione e disimpegno». 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x