Ultimo aggiornamento alle 22:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

il provvedimento

Ombrelloni e sdraio per “occupare” la spiaggia, rimosse oltre 600 attrezzature nel Catanzarese

Erano stati piazzati in un tratto di spiaggia libera tra tra Guardavalle e Sant’Andrea Apostolo. Dude denunce per occupazione abusiva di demanio

Pubblicato il: 25/08/2022 – 16:44
Ombrelloni e sdraio per “occupare” la spiaggia, rimosse oltre 600 attrezzature nel Catanzarese

GUARDAVALLE Oltre 600 tra ombrelloni, sdraio e lettini abusivi, lasciati su un tratto di spiaggia libera tra tra Guardavalle e Sant’Andrea Apostolo dello Ionio per occupare il posto, sono stati sequestrati dai militari della Guardia Costiera di Soverato che hanno denunciato per occupazione abusiva di demanio marittimo i titolari di due attività commerciali.
I due esercenti, che sono risultati in possesso di autorizzazione al solo noleggio di ombrelloni e sdraio avevano, invece, occupato senza alcun titolo una consistente area demaniale. Le attrezzature balneari poste sotto sequestro erano state lasciate incustodite in un tratto di spiaggia libera per una superficie di circa 7 mila metri quadri di litorale tra i due centri del basso Ionio catanzarese ora restituito alla libera fruizione.
In particolare i militari, avendo ravvisato la violazione da parte di ignoti delle norme del codice della navigazione in materia, hanno proceduto al sequestro e all’immediata rimozione di 332 ombrelloni e 208 sedie sdraio posizionate nelle aree dell’arenile indebitamente occupate. Le attrezzature sequestrate sono state affidate in custodia giudiziale alle amministrazioni comunali di competenza.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x