Ultimo aggiornamento alle 20:24
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la riflessione

Corigliano-Rossano, Caputo a Stasi: basta giustificazioni su tutto

L’esponente di Fratelli d’Italia, già vicesindaco della città, sollecita interventi su via Cerasaro

Pubblicato il: 26/08/2022 – 14:22
Corigliano-Rossano, Caputo a Stasi: basta giustificazioni su tutto

CORIGLIANO ROSSANO «Ma è mai possibile che dopo tre anni senza alcun intervento di nessun tipo sulla doppia emergenza igienico-sanitaria e sociale di Via Cerasaro, nel cuore del centro storico di Rossano, il Sindaco quale principale autorità sanitaria della città non sia stato in grado di adottare uno qualsiasi degli strumenti che le leggi dello Stato, in queste precise circostanze, mettono a disposizione dei primi cittadini e, quindi, delle amministrazioni comunali?  Ma ci si rende conto della gravità delle omissioni di cui ci si sta rendendo responsabili, nonostante denunce circostanziate e relazioni di più soggetti pubblici, come Asp, Polizia Locale e delle stesse assistenti sociali? Si ha ben chiara la situazione? Forse no». È quanto dichiara Guglielmo Caputo, già vice sindaco di Rossano e rappresentante di Fratelli d’Italia sottolineando come «questa città abbia abbastanza memoria storica per confrontare quanto stia accadendo oggi, in termini di indecisionismo su tutta la linea, con invece il buon governo degli anni passati. La grande comunità di Corigliano-Rossano ricorda benissimo quante e quali situazioni analoghe sono state risolte in passato in meno di mezza giornata, con decisionismo, sostituendosi se necessario alle eventuali inerzie di altri soggetti formalmente competenti ed intervenendo senza indugi laddove l’incolumità pubblica, l’interesse generale, la salute e la sicurezza pubblica e dei singoli erano documentatamente a rischio. Perché è questo ciò che deve fare un buon padre di famiglia per la sua comunità: non lasciare indietro mai nessuno dei suoi figli, i concittadini. Ed è proprio questa – sostiene Caputo – la conclusione: un sindaco ed un’amministrazione comunale di centro destra non avrebbero aspettato neppure 24h di fronte alla vergogna della casa-discarica di Via Cerasaro; avrebbero tutelato la dignità e la salute della persona in questione che invece a tutt’oggi (venerdì 26 agosto) viene lasciata in quelle stesse condizioni dall’attuale amministrazione comunale; avrebbero subito liberato, curato ed assicurato quei due cani; avrebbero fatto bonificare d’urgenza quell’immobile (e non solo quello) in quelle condizioni dal 2019 e, nell’interesse di tutti, avrebbero riportato pulizia, decoro, sicurezza e dignità in quel quartiere, storico, di Porta dell’Acqua, restituendolo alla fruizione normale non solo dei residenti ma anche dei visitatori e dei turisti. Ed invece il nulla. Su questa vicenda esplosiva da tutti i punti di vista così come su tutte le altre di cui ci occupiamo da tempo e che di cui i media danno notizia la risposta ciclica, sistematica e ormai stantia del Sindaco resta farcita di improbabili rassicurazioni sul futuro e soprattutto di giustificazioni. Sempre giustificazioni, continue giustificazioni su tutto: c’è sempre un motivo per non fare ciò che si deve fare e ciò che può e deve essere fatto. C’è sempre un impedimento a tutto, c’è sempre un ostacolo per l’ordinaria amministrazione e c’è sempre un cavillo che impedisce la rivoluzione che nessuno ha mai visto. Insomma, manca sempre un centesimo per arrivare ad un euro!». Caputo poi aggiunge: «Le risposte su tutto di Stasi, come quella umiliante per la città diffusa ieri per giustificarsi dopo tre anni di latitanza sul dramma di Via Cerasaro, sembrano ormai le stesse che si davano alle nostre scuole superiori, quando si portavano giustificazioni per tutto, pur di evitare le interrogazioni o altro. Sindaco, il libretto delle giustificazioni è terminato e la scuola è finita. Sei stato eletto per decidere, risolvere, intervenire ed agire. La città non ne può più di queste continue giustificazioni piagnucolose per nascondere l’assenza di coraggio, decisione e capacità in tutto ciò che arriva sul tuo tavolo. Serve più umiltà e laddove non si è adeguati a trovare soluzioni, serve farsi assistere e chiedere aiuto, essendo del resto privi di esperienze tali da supportare autonome determinazioni di governo della cosa pubblica. E si sa, oggi più che mai, il governo dei territori è cosa molto complessa. Ed anche se lei non ce lo chiede, noi il suggerimento glielo diamo lo stesso. Cosa avrebbe fatto tre anni fa e cosa farebbe oggi qualsiasi amministrazione comunale diversa dalla sua? Una normalissima ordinanza contingibile ed urgente, emessa: 1) dal sindaco, quale rappresentante della comunità locale, in relazione all’urgente necessità di interventi volti a superare situazioni di grave incuria o degrado del territorio, dell’ambiente e del patrimonio culturale o di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana, con particolare riferimento alle esigenze di tutela della tranquillità e del riposo dei residenti; 2) dal sindaco quale ufficiale di Governo o dal Prefetto in caso di inerzia del sindaco (ed ormai sarebbe il caso vista l’inerzia di Stasi); 3) molto probabilmente anche come autorità di Protezione Civile, alla luce delle ultime modifiche intervenute in fase pandemica».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x