Ultimo aggiornamento alle 22:40
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

lavoro

Valente e Biondo: «Molti amministratori insensibili alle problematiche degli ex Lsu/Lpu»

I due sindacalisti della Uil: «Invitiamo gli enti che ancora non hanno provveduto ad aumentare le ore ai lavoratori a farlo il prima possibile»

Pubblicato il: 03/09/2022 – 11:00
Valente e Biondo: «Molti amministratori insensibili alle problematiche degli ex Lsu/Lpu»

CATANZARO «Nonostante le lotte fatte per avere un contributo aggiuntivo di 20 milioni di euro, con il riconoscimento degli ex Lpu da parte del Ministero competente, e per vedere riconosciuta la quota Regionale, utile per arrivare ad un contributo complessivo di 18.000 euro da destinare ad ogni lavoratore in utilizzo fino a quiescenza dello stesso lavoratore, ancora ad oggi molti amministrazioni che utilizzano ex Lsu/Lpu non hanno provveduto all’aumento contrattuale». Lo affermano in una nota i segretari generali di Uiltemp Calabria e Uil Calabria Oreste Valente e Santo Biondo.
«Questo non è accettabile in una situazione economica sempre più grave – proseguono – dovuta al protrarsi degli effetti della pandemia che si sommano a quelli di una guerra alle porte dell’Europa, che penalizza soprattutto queste famiglie per la maggior parte monoreddito. Evidentemente, questi amministratori sono poco sensibili alle problematiche dei lavoratori, che da anni fanno andare avanti la macchina amministrativa degli enti locali presso i quali prestano la loro opera professionale, nella maggior parte dei casi offrendo i servizi minimi necessari alle nostre comunità. Ed è per questo che invitiamo, ancora una volta ed a gran voce, tutte le Amministrazioni che ancora non hanno provveduto ad aumentare le ore ai lavoratori a farlo nel più breve tempo possibile, per evitare che vadano disperse le risorse aggiuntive messe a disposizione dallo Stato e dalla Regione, ma anche integrando le stesse con fondi comunali, laddove possibile».
Per i due sindacalisti della Uil «occorre dare dignità economica a questi lavoratori che da più di venti anni prestano servizio negli enti locali. In questa ottica, poi, è positiva la delibera della giunta regionale che mette 30 milioni di euro per la proroga dei Tis. Adesso, però, è determinante trovare una soluzione definitiva per uscire da questo lungo periodo di precarizzazione del lavoro».
«L’obiettivo della nostra organizzazione è stato sempre quello di fare avere loro un contratto full-time e continueremo ad impegnarci fino a raggiungere l’obiettivo – concludono Valente e Biondo – al fine di fare ottenere il giusto riconoscimento a questa categoria di lavoratori che per molti anni ha dovuto lottare per vedere riconosciuti nient’altro che i propri diritti essenziali».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x